Identità rubate per ottenere mutui

Rubavano l'identità di ignoti per attivare conti correnti e mutui di cui poi usufruivano alla faccia degli ignari benefattori. Continua, dopo la sospensione per il decreto terremoto, il processo a carico di Sonia Palla, 48enne ex cartomante di Stienta (in provincia di Rovigo) accusata di frode aggravata. Con lei alla sbarra ci sono Gianni Atti, 55enne, di Ferrara, Domenico Cagnetta, Roberto Bertoli, Stefano Pantaleo, Giuseppe Spano, Ugo Baraldi e Romano Frabetti.

Altri due imputati, Annunziatino Romeo e Assunto Luigi Morabito, entrambi calabresi, hanno già patteggiato pene rispettivamente di 2 anni (e 400 euro di multa) e 1 anno e 8 mesi. I fatti risalgono agli anni 2007 e 2008, con le indagini dei carabinieri che partirono dalla denuncia di una donna di Poggio Renatico. La malcapitata si era vista attivare una carta di credito mai richiesta.

L'attivazione era stata effettuata attraverso l'utilizzo fraudolento delle generalità della donna che, informata tempestivamente dalla propria banca – a sua volta avvisata dalla società finanziaria – di alcune operazioni “sospette”, aveva appreso di essere vittima di un raggiro che stava per causarle significativi danni economici.

L'inchiesta porterà alla scoperta di numerose persone “derubate” dell'identità, con tentativi di prelevare a loro nome denaro contante o attivare mutui e finanziamenti, e con conseguente coinvolgimento come persone offese di compagnie telefoniche, concessionarie e finanziarie.

Ieri in aula hanno deposto davanti al giudice Alessandro Rizzieri, i testi della pubblica accusa, sostenuta dal pm Stefano Antinori. A confermare l'impianto accusatorio della procura sono state le deposizioni di alcuni rappresentanti delle compagnie telefoniche Tre e Tim, che stipularono contratti con gli imputati. Lo stesso vale per il direttore di una filiale di una banca locale nella quale venne acceso uno dei conti correnti contestato.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Bolletta del cellulare: strani addebiti? » Attenzione ai banner pubblicitari
Bolletta del cellulare troppo salata? Occhio ai banner pubblicitari Bolletta salata? E' bene segnalare alcune pratiche commerciali scorrette utilizzate da alcune compagnie di telefonia mobile. A volte, infatti, alcune offerte commerciali si attivano automaticamente al passaggio del dito sullo smartphone, e i costi della bolletta telefonica si impennano notevolmente. Le ...
Mutui e conti correnti » Gli effetti dopo il recente taglio dei tassi d'interesse
Mutui e conti correnti. Dopo il taglio dei tassi di interesse di qualche settimana fa, di soli 10 centesimi, la domanda sorge spontanea: quali sono i benefici per i consumatori e gli effetti sulle banche e sull'economia reale? La riduzione, di appena un un decimo, dei tassi di interesse rende ...
Avviso di chiamata su occupato: per Tim e Vodafone da oggi 21 luglio 2014 non è più gratuito » Ecco come disattivarlo
Da oggi, 21 luglio 2014, le due compagnie telefoniche Tim e Vodafone pretenderanno il pagamento per ogni avviso di chiamata. Da oggi in poi, il servizio avviso di chiamata, il quale avvisa l'utente quando un numero, cui si è tentato di telefonare, da occupato torna libero, offerto sino ad oggi ...
Cellulari e rinnovo del canone per Sim ricaricabili » Per le compagnie telefoniche un mese dura 28 giorni: un'altra beffa per gli utenti consumatori
Nuovo colpo gobbo delle compagnie telefoniche ai danni dei consumatori: d'ora in avanti il canone che va corrisposto per gli abbonamenti ricaricabili scatterà ogni 28 giorni anziché 30/31, comportando un aumento, ai danni degli utenti, dell'8% circa. Per voi quanto dura un mese? 28 o 30/31 giorni? Non importa, come ...
Pignoramento » Il solo saldaconto non è sufficiente per ottenere il decreto ingiuntivo
In caso di mancato pagamento di mutui o finanziamenti i decreti ingiuntivi ottenuti dalle banche per arrivare ad un pignoramento possono essere nulli e impugnati. Ciò, perché, il cosiddetto estratto dei saldaconti non è sufficiente per ottenere il decreto monitorio. Il decreto ingiuntivo emesso solo sulla base dell'estratto dei saldaconti, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca