Cartella esattoriale per ici 2010/2011 ed abitazione principale

Mi sono arrivate due cartelle esattoriali dal comune per mancato pagamento ici anno 2010-2011

Anni in cui non si pagava sull'abitazione principale. Io ho sempre avuto la residenza in questa abitazione, mia moglie ed i figli per motivi di lavoro avendo un'attività in un comune vicino hanno un'altra residenza (altro comune). Ho considerato la mia, abitazione predominante in quanto per circa sette mesi all'anno ci trasferiamo nella suddetta abitazione per assistere mia madre, inferma al 100% (ci dividiamo nell'assistenza con la famiglia di mio fratello).

Ho sbagliato?

Per gli anni successivi mi sono comportato nello stesso modo con l'IMU e mi hanno detto che molto probabilmente ho sbagliato ancora dicendomi che l'avrei potuto fare solo per motivi di lavoro facendo riferimento ad una circolare ministeriale

Nella mia disperazione cercando su vari siti ho trovato :

“Secondo la Circolare del Ministero dell'Economia e delle Finanze n. 3/DF del 18 maggio 2012, nel caso in cui due coniugi stabiliscano la loro residenza e dimora abituale in due immobili ubicati in due diversi comuni sarà possibile usufruire per entrambi delle agevolazioni prima casa qualora non si tratta di una mera operazione “elusiva” ma, al contrario, sia motivata da un'effettiva e reale necessità (ad esempio trasferimenti per motivi di lavoro).

Mi sembra da cittadino ignorante in materia che il mio caso non sia escluso , ho fatto le cose giuste? Per l'ICI 2010-2011 è applicabile?

Ai fini fiscali, per abitazione principale si intende quella nella quale il proprietario (o titolare di altro diritto reale), o i suoi familiari dimorano abitualmente.

La deduzione per l'abitazione principale ai fini ICI (che comportava l'abbattimento del reddito da fabbricati) competeva per una sola unità immobiliare, per cui se il contribuente possedeva due immobili, uno adibito a propria abitazione principale e l'altro utilizzato da un proprio familiare, la deduzione spettava esclusivamente per il reddito dell'immobile che il contribuente utilizzava come abitazione principale.

La circolare del MEF che lei cita è, invece, riferita alla possibilità di beneficiare delle agevolazioni prima casa anche per l'acquisto di un secondo immobile in altro Comune, in cui uno dei due coniugi è costretto a stabilirsi per trasferimento riconducibile a motivi di lavoro.

15 ottobre 2015 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
tributi locali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

TASI - abitazione principale ed unità abitative assimilabili all'abitazione principale
Agli effetti della TASI (TAssa sui Servizi Indivisibili) deve intendersi per abitazione principale l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito ...
Agevolazioni prima casa abitazione principale e problematiche fiscali
Le agevolazioni prima casa prevedono sconti fiscali e tariffe ridotte per utenze domestiche. Ma se non si posseggono i requisiti si corre qualche rischio. Agevolazioni prima casa Le agevolazioni prima casa si conseguono già all'acquisto dell'immobile non di lusso che sarà poi adibito ad abitazione principale, ove per abitazione principale ...
Il nuovo concetto di abitazione principale ai fini IMU - Nessuna esenzione ma solo una riduzione del 50% per le abitazioni concesse in comodato a genitori e figli
Com'è noto, l'IMU non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, per le quali continuano ad applicarsi l'aliquota e la detrazione stabilita da ciascun Comune. Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile ...
Il diritto di abitazione non spetta al coniuge superstite separato
Al coniuge superstite è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio del coniuge defunto, salvo le disposizioni dettate dal concorso con eventuali figli. In breve, nel caso di un solo figlio, al coniuge superstite spetta una quota pari ad un terzo, mentre si arriva ad ...
Irpef » detrarre le spese per l'affitto della casa - Detrazione per affitti a canone non convenzionato
È prevista una detrazione per chi sostiene le spese dell'affitto per la casa adibita a propria abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. In particolare, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca