Titolare pensioni

Argomenti correlati:

Mio padre è titolare di due pensioni (una di reversibilità di mia madre) ed è proprietario di un immobile.

Ha contratto nell’ultimo periodo (dal 2009) una serie di debiti attraverso finanziarie e carte di credito, sempre di finanziarie, che hanno generato sia la cessione del quinto della pensione che un’ulteriore accumulo di rate che attualmente supera di 200 euro la sua disponibilità mensile.

Quindi ogni mese siamo costretti io e mia sorella a ripianare lo scoperto della banca che, oltre ai 200 euro delle finanziarie, conta le spese mensili per poter vivere con il minimo necessario.

La mie domande sono queste.

Come è possibile che gli siano stati accordati prestiti nonostante fosse evidente che non era nella possibilità di pagarli?

Oltre a lui (ovviamente) c’è qualcun altro che si può ritenere responsabile di questa situazione?

Quando hanno fatto i controlli per accordare i finanziamenti come è possibile che la sua banca abbia dato il consenso?

Si può interrompere almeno una parte dei pagamenti, ovviamente escluso il quinto che è trattenuto alla fonte, perché le finanziarie non hanno svolto i controlli con la dovuta attenzione, visto che non è normale che i prestiti siano superiori al suo reddito mensile?

I finanziamenti sono stati erogati in virtù del fatto che suo padre possiede un immobile.

I creditori ben sanno che la quota massima pignorabile della pensione è pari ad un quinto, fatto salvo l’importo del “minimo vitale”. E sono altresì consapevoli che solo il primo creditore procedente riesce ad ottenere il rimborso del debito. Gli altri dovranno attendere e non sempre riescono ad ottenere il dovuto, attesa l’età del debitore e la probabile rinuncia all’eredità dei chiamati.

Dunque, l’obiettivo è sicuramente l’immobile. Se sussistono le condizioni, prima che intervengano iscrizioni ipotecarie e pignoramenti, conviene valutare la possibilità di un prestito vitalizio ipotecario, che, nel contesto descritto, potrebbe rappresentare la soluzione.

L’alternativa è vendere a prezzo di mercato e non subire ulteriori danni da una eventuale vendita all’asta. Con un pò di fortuna, di determinazione e di tempismo, si possono anche costringere i creditori a soddisfarsi con il quinto della pensione …

Per il resto, se suo padre non risultava interdetto nel momento in cui andava a chiedere i finanziamenti, c’è ben poco da fare.

25 Gennaio 2012 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Soggetto titolare di più pensioni - Il minimo vitale impignorabile si applica a ciascuna pensione o al totale?
Sono complessivamente beneficiario di una pensione INPS di vecchiaia da 500 euro e una di invalidità sempre INPS da 300 euro al mese: in più da Ente pubblico diverso euro 50 al mese. Il famoso limite dei 680 euro (assegno sociale + metà, o minimo vitale) vale nei confronti di ciascuna pensione o di tutte insieme, anche se di enti diversi? ...

Pignoramento del conto corrente cointestato - Che fine fanno le pensioni accreditate?
Ho ricevuto ingiunzione da una banca creditrice per il pagamento di 49 mila euro entro il 24/08/2017: ho solo conto corrente postale cointestato con il coniuge ed entrambi versiamo nel cc tramite INPS pensioni già gravate alla fonte da cessione del quinto. Quando arriva l'ACCREDITO PENSIONI (coniuge € 525 + mio 1156) cosa può Pignorare la BANCA di detta Somma o dell'IMPORTO presente nel SALDO ? . Ciò AVVIENE SOLO per una Occasione Oppure per QUANTO TEMPO SI PROTRAE QUESTO PIGNORAMENTO?. ...

Pignorabilità stipendi e pensioni
Il decreto legge per la semplificazione degli adempimenti fiscali (approvato il 25 febbraio 2012) introduce un limite di pignorabilità presso terzi per stipendi, salari, pensioni o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego parzialmente derogando, per la riscossione a mezzo ruolo, alle previsioni del codice di procedura civile in materia. Segnatamente, mutuando il sistema operante in Francia, con le norme in esame, si prevedono, per importi fino a cinquemila euro, limiti di pignorabilità più bassi di quelli previsti dal codice civile. Così il pignoramento dello stipendio, secondo quanto stabilito dal decreto, non sarà più «fisso» e pari ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Titolare pensioni