I crediti alimentari non sono solo quelli dovuti ad ex coniuge ed ai figli ... anche i nonni pagano per i nipoti

Si può essere costretti a versare crediti alimentari, in forma coattiva, anche ad altri familiari indigenti: i crediti alimentari, infatti, non sono solo quelli dovuti per il mantenimento del coniuge separato e dei figli.

All'obbligo di prestare gli alimenti al familiare indigente (il soggetto dello schema esplicativo) sono tenuti, nell'ordine:

  1. il coniuge;
  2. i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi e, in loro mancanza i discendenti prossimi, anche naturali (nipoti);
  3. i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali (nonni ); gli adottanti;
  4. i generi e le nuore;
  5. il suocero e la suocera;
  6. i fratelli e le sorelle germani o in subordine unilaterali.

A riprova di quanto asserito, la vicenda che riportiamo di seguito.

Nonno, già separato, tenta il suicidio - deve pagare anche per i nipoti

Trento, pignorato di parte dello stipendio su richiesta nuora - L'uomo disperato (guadagna 1.200 euro al mese) dopo la notifica di pignoramento di parte dello stipendio. Atto deciso dal Tribunale di Verona al quale si era rivolta la nuora dell'uomo che lamentava il mancato versamento degli alimenti ai figli da parte del marito, resosi irreperibile dopo la separazione.

Trento, 3 febbraio 2012 - Dramma sfiorato alla Procura di Trento. Un uomo separato ha tentato di gettarsi dalla finestra dopo aver saputo di dover provvedere al mantenimento non solo della ex moglie ma anche dei nipoti, in base ad un provvedimento ottenuto dalla nuora separata.

L'uomo è salito sul davanzale della finestra posta al primo piano dell'ufficio del giudice per le esecuzioni. Il 59enne dipendente dell'Università di Trento, fortunatamente è stato salvato da un carabiniere che è riuscito ad afferrarlo prima che si buttasse nel vuoto.

Il gesto estremo nasce dalla disperazione dell'uomo, che guadagna 1.200 euro al mese, dopo aver ricevuto una notifica relativa al provvedimento esecutivo di pignoramento di parte dello stipendio. Atto deciso dal Tribunale di Verona al quale si era rivolta la nuora dell'uomo che lamentava il mancato versamento degli alimenti ai figli da parte del marito, resosi irreperibile dopo la separazione.

Da qui il provvedimento esecutivo nei confronti del nonno. Il caso ha precedenti nella giurisprudenza che prevede che un genitore debba accollarsi le spese o gli alimenti non versati dal figlio sposato, anche se maggiorenne.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

crediti alimentari
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Se ex coniuge non versa l'assegno, chi è tenuto a farlo?
Al mantenimento dei figli devono provvedere in primo luogo i genitori. Ma i nonni hanno l'obbligo di contribuire al mantenimento dei nipoti qualora i genitori non abbiano i mezzi necessari per provvedervi L'articolo 147 del Codice civile, stabilisce che i coniugi hanno l'obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole ...
I crediti alimentari - prescrizione e rivalutazione
Costituiscono crediti alimentari gli assegni periodici, anche non risultanti da provvedimenti dell'Autorità giudiziaria, al debitore corrisposti: dal coniuge; dai figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi, e, in loro mancanza, dai discendenti prossimi, anche naturali; dai genitori e, in loro mancanza, dagli ascendenti prossimi, anche naturali; dagli adottanti; dai ...
La riforma della filiazione » i figli sono tutti uguali
Il 7 febbraio 2014 entrerà il vigore il Decreto Legislativo del 28 dicembre 2013, numero 154 che contiene le disposizioni finalizzate ad eliminare ogni discriminazione tra i figli, anche adottivi, nel rispetto dell'articolo 30 della Costituzione. Il provvedimento, come appena accennato, ha lo scopo di garantire la completa eguaglianza giuridica ...
Irpef - dedurre gli assegni corrisposti al coniuge separato
Sono deducibili gli assegni periodici corrisposti al coniuge a seguito di separazione legale ed effettiva, o di scioglimento o annullamento del matrimonio, o cessazione degli effetti civili dello stesso. Gli importi destinati al mantenimento dei figli non sono invece deducibili. Quando il provvedimento dell'autorità giudiziaria non distingue la quota dell'assegno ...
Studente fuori corso e padre - Tenuto comunque a contribuire al mantenimento dei figli
Il genitore ha l'obbligo di procurarsi i mezzi di mantenimento dei figli, e gli studi universitari all'età di 35 anni, non possono costituire alibi per sottrarsi a tale obbligo. Nel caso specifico, poi, il genitore è proprietario di un immobile e può usufruire di sensibili aiuti da parte dei familiari ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca