I bonifici al coniuge sono donazioni?

Un uomo sposato in regime di comunione dei beni muore senza lasciare testamento; gli eredi sono la figlia e la moglie, entrambi viventi; ora, l’uomo quando era vivo ha praticamente svuotato il conto corrente cointestato con la moglie, facendo ingenti e numerosi bonifici (senza alcun atto notarile) con i quali trasferiva i soldi sempre e solo su un altro conto corrente intestato esclusivamente alla moglie; ora, in questa situazione, che fine fanno quei soldi ai fini della successione ereditaria? Sono diventati tutti beni personali della moglie fuori dalla successione, per cui la figlia rimane senza nulla? Oppure sono donazioni che vanno a pesare sulla quota di legittima?

Quando, come nel caso, il regime scelto dai coniugi è quello della comunione legale, questa si scioglie al momento della morte di uno dei coniugi e ricadranno in successione il 50% dei beni in comunione tra i coniugi e il 100% dei beni personali del defunto.

Nella fattispecie, in assenza di testamento, alla figlia spetta il 25% delle disponibilità in conto corrente del de cuius.

Tuttavia, secondo i giudici della Corte di cassazione, a sezioni unite (sentenza 18725/2017) è riconducibile alla donazione diretta l’elargizione, per spirito di liberalità (cioè senza l’obbligazione derivante da un contratto stipulato fra le parti) di somme di danaro mediante assegni circolari o bancari, nonché bonifici bancari.

Ora, se non è di modico valore, la donazione diretta deve essere formalizzata, per legge, attraverso un atto pubblico: altrimenti la donazione può essere impugnata (da chi ne abbia interesse) per nullità.

La figlia del defunto può pertanto accedere alla documentazione dei movimenti in conto corrente del genitore e impugnare per nullità tutti i bonifici bancari, di non modico valore, destinati negli anni al coniuge superstite, che non siano stati formalizzati da un atto notarile di donazione.

Ripristinato così (virtualmente) il saldo di conto corrente del de cuius al momento del decesso, si potrà dare seguito alla successione ereditaria: alla figlia spetterà sempre il 25% della disponibilità in conto corrente lasciata dal proprio genitore defunto, ma calcolata considerando anche il capitale nel tempo trasferito con bonifici al coniuge superstite. A questo punto si potrà anche procedere con compensazione sulla quota spettante al coniuge superstite dal saldo effettivo (quello al netto delle donazioni/bonifici nulli).

23 Aprile 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Donazioni in vita del genitore ad uno dei legittimari - Come funziona la collazione delle donazioni
Avrei delle domande da proporvi in merito al diritto all'eredità di un genitore: Io, figlio, alla morte di un genitore possessore di un immobile erediterei una parte se l'altro genitore è ancora in vita? Così come eventuali conti correnti? Cosa succede se prima della sua morte l'immobile venisse intestato a uno dei figli? Significherebbe che l'altro (o gli altri figli) non avrebbero nessuna eredità? Lo stesso per quanto riguarda l'intestazione del conto corrente Se questo venisse intestato a uno dei figli, quando il genitore è ancora in vita, alla sua morte gli altri figli non avrebbero alcun diritto all'eredità? ...

Quali sono gli elementi di impignorabilità del conto corrente intestato al coniuge non debitore in comunione dei beni con il coniuge debitore?
Sono in comunione dei beni con mia moglie, la quale con l'attività che aveva ha contratto molti debiti. Ho un conto corrente intestato solo a me sul quale verserò una somma pari alla metà della vendita della nostra casa. Eventuali creditori, potrebbero aggredire anche il mio conto corrente oppure suddetto conto non rientra alle cose relative alla comunione dei beni? ...

Conto corrente cointestato a firma disgiunta fra debitore defunto e coniuge - Accettazione tacita dell'eredità
Io e mia madre in data novembre 2017 abbiamo rinunciato all'eredità di mio padre, causa rilevanti debiti con l'agenzia delle entrate. Al fine di bloccare il conto corrente cointestato (50% mia mamma / 50 % mio papà) sul quale veniva accreditata mensilmente la pensione di mio padre, mia madre ha dovuto firmare dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà per dichiararsi chiamata all'eredità/erede. Detto ciò, sia io che mia madre abbiamo poi dovuto firmare in banca un documento attestante la richiesta di chiusura del conto. Sottolineo che tutto ciò è stato fatto al fine di evitare che la pensione fosse erogata su ...

Dove mi trovo?