Ho perso il lavoro e non potrò più pagare il mio debito

Argomenti correlati:

Ho contratto, per acquisto mobili a mia figlia, un finanziamento con durata 10 anni, dal 2009 al 2019. Purtroppo, fino ad oggi ho potuto assolvere ai miei obblighi, ma il futuro si prospetta nerissimo, in quando avendo perso il lavoro (non per colpa mia), credo di non poter assolvere ai miei debiti.

Vorrei sapere cosa potrebbe succedermi. Faccio presente che, ultimamente essendo deceduta mia madre, sono contitolare con i miei fratelli, di una piccola quota di casa materna. Ho anche chiesto alla società finanziaria di sospendere e/o ridurre le rate di rimborso, ma non ho avuto risposta.

Potreste darmi dei consigli?

Sembra paradossale, ma sarebbe stato meglio non possedere quella piccola quota di casa materna: il capitale del debito residuo da rimborsare va raffrontato con il valore commerciale della quota indivisa che potrebbe essere ricavato attraverso una vendita all’asta.

Infatti, la procedura di pignoramento di una quota immobiliare indivisa di proprietà del debitore richiede un investimento in spese di giustizia e legali rilevante, che il creditore preferisce solitamente non anticipare a fronte di un esito incerto rispetto alle probabilità di soddisfazione del proprio credito; tuttavia se il debito residuo, gravato da interessi e spese, è capiente nella somma che è ragionevolmente presumibile potersi ricavare con l’espropriazione dell’immobile e l’assegnazione del ricavato pro quota, il creditore potrebbe anche essere tentato ad esperire azione esecutiva per recuperare quanto gli è ancora dovuto.

Beninteso, l’azione esecutiva potrebbe anche limitarsi alla semplice iscrizione di ipoteca sulla quota di proprietà immobiliare: ma, tutto dipende dalle grandezze in gioco.

Qualora, invece, la finanziaria ritenesse non procedere direttamente e cedesse il proprio credito ad una società di recupero, allora dovrà attendersi contatti da parte degli operatori spesso anche al limite del lecito. Su come difendersi e condurre eventualmente una trattativa per chiudere la posizione debitoria a saldo stralcio, le sarà utile consultare questa sezione e, magari, intervenire di nuovo nel forum a fronte di problematiche specifiche.

25 Novembre 2015 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quali vie di uscita al pignoramento dello stipendio dopo aver perso causa di lavoro? Ho da pagare un mutuo e da rimborsare due prestiti e lavoro solo io in famiglia
Sono un medico dipendente ho 57 anno in seguito ad un licenziamento ho fatto causa al mio ex datore di lavoro in I grado ho vinto e sono stato liquidato della indennità di reintegra (76 mila euro). Successivamente la sentenza e stata ribaltata e oltre a restituire l'indennità di reintegra debbo per sentenza pagare le spese di condanna per 110 mila. Il mio avvocato ha provato a transare con 70 mila ma loro non hanno accettato e quindi mi hanno pignorato lo stipendio. Io non ho quella cifra essendo dipendente ho busta paga di 3 mila mensili una famiglia di ...

Mutuo cointestato tra madre e due fratelli proprietari degli immobili gravati da ipoteca - Ripartizione fra i coeredi (4) del debito della genitrice defunta
Ho ereditato dopo la morte di mia madre due mutui cointestati con due miei fratelli, tenuto presente che sono intestatari delle casa e che siamo 4 fratelli, volevo sapere che percentuale di mutuo mi devo accollare. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ho perso il lavoro e non potrò più pagare il mio debito