Accettazione eredita

Premetto che mio padre è deceduto nel 2002 e io e mio fratello abbiamo accettato l’eredita cioè l’abitazione in cui viviamo.

Solo ieri riceviamo una raccomandata intestata a mio padre da una banca che intima la restituzione di 16.000 € che gli erano dovuti.

Immagino che il suo debito personale vada quindi agli eredi come ho letto qua e là. Ma ciò che mi sembra strano è che sia passato tutto questo tempo. Possiamo contestare la richiesta? O almeno cercare di negoziarla?

Poichè noi non disponiamo di tale somma , il mio stipendo non me lo permette e mio fratello è disoccupato.Possono intaccare il mio stipendio se mi rifiutassi di pagare?

Purtroppo il pagamento è dovuto, in quanto la prescrizione non è intervenuta (sarebbe stata decennale) ed avete accettato l’eredità.

Lo stipendio purtroppo in questi casi è pignorabile, previo ottenimento di un titolo esecutivo (decreto ingiuntivo).

La cosa migliore è che cerchiate un accordo bonario con la banca, per esempio per l’ottenimento di un piano di rientro agevolato.

2 Ottobre 2011 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guida di un veicolo di proprietà del de cuius da parte del chiamato convivente - Si configura accettazione tacita dell'eredità?
Può essere considerata accettazione tacita da parte di un coerede aver usufruito di un veicolo del cuius dopo la sua morte e con questo veicolo aver avuto un incidente? Mi spiego meglio, mio fratello, figlio convivente del cuius, dopo la morte di nostro padre ha usato la vettura di proprietà di nostro padre, guidando senza patente poiché revocata da anni ed in stato di ebbrezza causando un sinistro stradale nel quale a seguito dell'intervento del corpo di polizia municipale il suddetto veicolo è stato posto sotto sequestro amministrativo. Le domande che mi pongo appunto sono: questo atto può essere ...

Rinuncia eredità e prelievo dalla postepay del defunto - Configura accettazione tacita dell'eredità?
Mio padre è deceduto lasciando una postepay revolution, una percentuale sul terreno e dei debiti con Equitalia. Tutti gli eredi faranno la rinuncia della eredità, ma un ragazzo (non erede) ha fatto un prelievo dopo la morte di mio padre (per sua stessa richiesta) senza essere ancora a conoscenza che era deceduto (per nostra svista vista la situazione), una cifra irrisoria, prelievo di 50 euro su 51 sulla carta. Questo prelievo però può essere problematico per gli eredi che rinunciano? Equitalia può impugnare il fatto per incastrare qualcuno con i debiti di mio padre? Dichiarando una accettazione tacita della eredità? ...

Eredità e ratei maturati non riscossi - Possibile revocare l'accettazione tacita dell'eredità?
Mio padre è deceduto il 24 luglio 2018: successivamente affidandoci ad un patronato di zona ho provveduto a far presentare istanza di reversibilità a mia madre e, contestualmente, l'addetto del sindacato ci faceva fare fare anche una istanza per percepire cosiddette rate maturate non riscosse, in qualità di eredi, quindi oltre a mia madre anche noi figli (siamo in due). Somma che l'inps dovrà corrispondere in parti uguali. Sin qui nulla quaestio. Il quesito nasce per quanto concerne i debiti con una finanziaria da parte di mio padre oramai defunto e quindi la possibilità di restarne fuori con espressa rinuncia ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accettazione eredita