Google: ok a richiesta UE per licenze app a pagamento - Ci sarà un aumento dei costi degli smartphone?

Da quello che ho potuto capire, Google si adatterà alla decisione Ue di far pagare le licenze per le app ai produttori degli smartphone, per consentire il libero mercato.

Ma questa novità non andrà ad influire negativamente sui consumatori?

Il risultato non sarà l'aumento del costo dei cellulari?

Il gigante di Mountain View, messo alle strette dalle norme anticoncorrenziali europee, per evitare nuove sanzioni, renderà disponibili, solo a pagamento, le licenze delle proprie app (Chrome, Playstore, Youtube, Maps, Gmail ecc) ai produttori di smartphone (Android): saranno poi quest'ultimi a scegliere se integrarle o meno.

Riassumendo la vicenda, la Ue, dopo una multa da 4,3 miliardi di dollari, aveva ordinato a Google di smettere di obbligare i produttori di telefonini a preinstallare il suo motore di ricerca e il browser Chrome se volevano operare con Play store, il negozio virtuale da cui scaricare le app funzionanti con Android.

Ciò, per consentire il libero mercato e l'installazione di app anche dei competitor.

Pur avendo fatto ricorso contro la decisione Ue a inizio mese, l'azienda entro fine ottobre deve terminare le pratiche che Bruxelles ha giudicato anti-competitive.

Il rischio, altrimenti, è che per ogni giorno di mancato rispetto della decisione il gruppo debba versare una multa ulteriore pari in media al 5% massimo dei ricavi giornalieri generati globalmente.

Così, BigG, ha annunciato di avere messo fine alla restrizione, ma che inizierà a chiedere una non precisata commissione per ogni dispositivo se il produttore vuole le app del gruppo che includono anche Play store.

Google si è limitato a dire che la commissione sarà contenuta e si attuerà in modo indistinto su tutti i gruppi produttori.

Anche se questa commissione varrà solo in Europa, essa avrà conseguenze su tutto il mercato mondiale dei telefonini.

Anche i produttori asiatici e americani dovranno adeguare i loro costi in Europa, uno dei mercati di smartphone più maturi.

Dunque, nel dettaglio, cosa cambierà per i produttori?

Il browser Chrome e Google Search diventeranno delle opzioni facoltative (vincolandone l'uso al pagamento di una tariffa) mentre per poter integrare il Play Store si dovranno installare obbligatoriamente anche le app Maps, Gmail e YouTube attraverso una licenza a pagamento.

Chi sceglierà di sganciarsi completamente da BigG potrà infine accedere e utilizzare Android, gratuitamente, in versione open source e personalizzarlo a piacimento.

Quale potrà essere l'impatto sul mercato è impossibile da determinarsi ora ma è certo che si tratti di una novità sostanziale, visto e considerato che la prima possibile (e anche logica) conseguenza dell'annuncio potrebbe essere l'immediato rincaro dei prezzi al dettaglio di smartphone e tablet.

Dunque, questa scelta la pagheranno gli utenti?

Beh, pare proprio di si, poiché per il momento è difficilmente ipotizzabile che qualche produttore possa rimuovere del tutto dai propri dispositivi i software di Google, anche se è una eventualità tecnicamente possibile.

Se pensiamo però a uno dei servizi più utilizzati dagli utenti, il negozio Play Store, il canale di accesso a milioni di applicazioni scaricabili sullo smartphone o sul tablet, quale vendor sarà così temerario da abbandonarlo, visto e considerato che rappresenta anche una fonte di ricavi e uno strumento per stringere partnership con altre aziende?

L'altro possibile cambiamento epocale riguarda il browser e il motore di ricerca: la maggior parte degli utenti utilizza Chrome e Search in modo automatico e non ha mai considerato l'opportunità di ricorrere ad alternative quali Firefox o un'altra applicazione per la ricerca sul Web.

Uno smartphone privo di questi due software sarebbe apprezzato così come lo è ora?

Infine i costi.

Se Google impone ai produttori il pagamento del pacchetto base dei suoi servizi, per bilanciare l'assenza di Chrome e del motore di ricerca, è molto probabile che tali costi verranno in qualche modo ricalcolati sui listini dei prodotti a scaffale.

La domanda è quindi la seguente: in che misura aumenteranno, se aumenteranno, i prezzi degli smartphone?

L'Unione Europea ha messo il gigante di Mountain View di fronte a un bivio sventolando la bandiera di una maggiore libertà di scelta per i produttori di hardware.

Ma saranno proprio questi ultimi, di fatto, a fari carico di assorbire gli effetti dell'obbligo “virtuale” di pagare una licenza per utilizzare Android.

E alla fine, pagheranno, come sempre, i consumatori.

18 ottobre 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rc auto con polizza maggiorata » Basta il provvedimento Agcm per dare il via al risarcimento danni
Buone notizie per i consumatori: d'ora in avanti, nel caso una compagnia assicurativa sia stata multata dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) per maggiorazioni non congrue della polizza rc auto ai propri clienti, basterà presentare al giudice il provvedimento dell'Antitrust per ottenere il risarcimento danni relativo. Una recente ...
Cellulari e rinnovo del canone per Sim ricaricabili » Per le compagnie telefoniche un mese dura 28 giorni: un'altra beffa per gli utenti consumatori
Nuovo colpo gobbo delle compagnie telefoniche ai danni dei consumatori: d'ora in avanti il canone che va corrisposto per gli abbonamenti ricaricabili scatterà ogni 28 giorni anziché 30/31, comportando un aumento, ai danni degli utenti, dell'8% circa. Per voi quanto dura un mese? 28 o 30/31 giorni? Non importa, come ...
Costi extra per acquisti online tramite carta di credito » Arriva l'alt dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato
No ai costi extra quando si effettuano acquisti sul web tramite carte di credito: con un recente provvedimento, infatti, è arrivato lo stop, per questa pratica, da parte dell'Agcm (autorità garante della concorrenza e del mercato). Stop ai costi «extra» per gli acquisti online se si usa la carta di ...
Antitrust » Avviata un'indagine conoscitiva sui costi del pagobancomat
L'Antitrust (Antitrust o Agcm) ha avviato un'istruttoria sui costi del PagoBancomat. Il servizio Bancomat è finito nel mirino dell'Antitrust. L'agcm, infatti, ha avviato un'istruttoria per verificare se la fissazione della commissione per i pagamenti con PagoBancomat, definita dal Consorzio Bancomat, costituisce un'intesa restrittiva della concorrenza tale da limitare la competizione ...
Premio Rc auto - Se la compagnia viene sanzionata dall'Antitrust l'assicurato ha diritto al risarcimento
L'assicurato che contrae polizza RC Auto ad un prezzo elevato e che, successivamente, propone azione risarcitoria nei confronti dell'impresa di assicurazione sanzionata dall'Antitrust (AGCM o Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) per aver partecipato ad un'intesa finalizzata alla limitazione della concorrenza, assolve l'onere della prova a suo carico allegando ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca