Richiesta all'erede del contraente per il pagamento dei costi di fornitura di energia relativi a consumi successivi al decesso

Mio padre (separato con mia madre, poi risposato (ha avuto un altro figlio) è morto 10 anni fa e 20 anni prima si è trasferito, dopo la separazione in un'altra città. Il mio fratellastro ha continuato a vivere e usare le abitazioni di mio padre senza mai effettuare la voltura delle utenze. Ora il recupero crediti delle società eroganti le utenze mi scrive chiedendomi il pagamento di quanto non saldato (tra il 2015 ed il 2017, mio padre è morto nel 2008). Ovviamente io sono residente e domiciliata in altra città e le utenze, ovviamente mai utilizzate dalla sottoscritta (tantomeno da mio padre), sono state realmente utilizzate da chi li era residente/domiciliato, ovvero il mio fratellastro. come mi posso tutelare? Come posso far valere i miei diritti?

Innanzitutto conviene comunicare formalmente (con raccomandata AR) il decesso del contraente alla società fornitrice di energia, trasmettendo copia del certificato di morte.

Poi, se proprio vogliamo ritenere legittimo configurare come un debito del defunto il costo dei consumi di energia successivi alla morte del contraente, va precisato che tale costo va ripartito fra lei ed il suo fratellastro (i coeredi del debitore non sono debitori solidali). Infatti, i coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti del defunto in proporzione delle loro quote ereditarie (articolo 752 del codice civile).

Se lei, come sembra, non era in possesso di beni ereditari al momento del decesso di suo padre, avrebbe potuto rinunciare all'eredità entro dieci anni dal decesso. E' questo, probabilmente, il motivo per cui la richiesta dei consumi relativi al triennio 2015-2017 è pervenuta solo adesso. La rinuncia all'eredità potrebbe essere una soluzione, se ci fosse ancora tempo.

Inoltre, la pretesa potrebbe essere proficuamente contestata esibendo alla controparte i certificati di residenza storico di suo padre e del suo fratellastro, per dimostrare che alla data del decesso quest'ultimo conviveva con il de cuius e che dopo il decesso egli ha continuato ad occupare l'appartamento servito dalla fornitura.

Per finire: io, personalmente, al suo posto, ignorerei la richiesta, soprattutto se le è stata recapitata per e-mail o per posta semplice: assomiglia tantissimo ad uno dei soliti maldestri tentativi di spillare denaro non dovuto.

26 ottobre 2018 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

debiti ed eredita
eredità e successione
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fornitura di acqua - A ciascun componente il nucleo familiare del cliente moroso in stato di disagio economico-sociale deve essere comunque garantito il quantitativo minimo vitale di 50 litri al giorno
L'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico, AEEGSI, ha messo nero su bianco, nel documento di consultazione 603/2017/R/idr , i primi orientamenti per la definizione di misure necessarie al contenimento della morosità nel settore del servizio idrico integrato, con particolare riferimento alle procedure di costituzione in mora ...
Tutela del consumatore - attività antitrust nel settore della fornitura di energia elettrica e gas
Nel settore energetico (fornitura di energia elettrica e gas), le istruttorie chiuse nel 2012 in materia di tutela del consumatore si sono concentrate sul fenomeno delle cosiddette attivazioni di forniture non richieste e su quello delle offerte di tariffe scontate. Sono state concluse due istruttorie nei confronti delle società Eni ...
Contratto per la fornitura di energia elettrica attivato con vocal ordering senza l'invio successivo del contratto? » Scatta il risarcimento danni per il consumatore
Scatta il risarcimento danni non patrimoniale per il consumatore a cui sia stato attivato un contratto per la fornitura di energia elettrica con la tecnica del vocal ordering, ma senza il successivo invio del contratto scritto. Cominciamo dicendo che per vocal ordering si intende l'acquisizione del consenso attraverso la registrazione ...
Fatture energia elettrica e gas: arrivano i cacciatori di bollette » Eni, Enel, Edison e Sorgenia si affidano a società di recupero crediti
Le società erogatrici di energia non riescono più a riscuotere le somme delle fatture inviate ai consumatori, così, entrano in scena i cacciatori di bollette: scopriamo chi sono. Dall'inizio della crisi, ormai circa 10 anni fa, molte famiglie e aziende italiane sono in difficoltà. Chi ha perso il proprio lavoro, ...
Bollette per la fornitura di energia elettrica, gas e acqua - Prescrizione ridotta a due anni
La Legge 205/2017, articolo 1, commi 4-10 (Legge di bilancio 2018), ha previsto la riduzione del termine di prescrizione da cinque a due anni per il pagamento delle bollette relative alla fornitura di energia elettrica, gas e acqua (articolo 1, comma 4 Nei contratti di fornitura di energia elettrica e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca