Ho bisogno del gas, ma chi abitava l'appartamento prima di me era un cliente moroso in stato di default - Come risolvere?

Volevo porvi una questione dopo aver letto sul vostro sito la situazione su morosità e default: premetto subito che non sono un debitore ma ho comprato uno stabile con un contatore cliente in default. Come posso procedere?

Mi hanno rifiutato un nuovo contratto o voltura proprio per questa situazione dicendomi che deve venire il distributore (ITALGAS). Però non posso stare senza GAS nell'appartamento appena acquistato tenendo conto che sta arrivando l'inverno e ho una famiglia.

Da nuovo proprietario posso usufruire del gas senza rischi?

Il gas che consumerebbe adesso, prima della stipula di un regolare contratto di fornitura, graverebbe sulla bolletta del precedente titolare (anche se da tempo in default) e di questo deve esserne consapevole, nonostante la responsabilità della antipatica situazione in cui versa sia da attribuire esclusivamente a questioni burocratiche indipendenti dalla sua volontà.

Potrebbe, per accelerare l'iter, chiedere il subentro: il subentro, a differenza della voltura consiste nell'attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente in seguito alla cessazione del contratto del precedente cliente in default. In ogni caso, le suggerisco di rivolgersi ad un fornitore diverso da quello con cui era stato sottoscritto il contratto dal precedente cliente in default: per passate esperienze, posso affermare che alcune società fornitrici (fra queste sicuramente ENI gas) per politiche aziendali, non stipulano contratti con nuovi clienti se riguardano utenze che andrebbero ad allacciarsi a punti di consegna di cui hanno già chiesto la disattivazione al gestore della rete di distribuzione (ITALGAS).

Lo svantaggio di un contratto di subentro è che dovrà far fronte ai costi aggiuntivi di attivazione (circa 45 euro).

Il vantaggio è che, al distributore ITALGAS perverrebbe anche la richiesta di attivazione inoltrata dal nuovo fornitore, avendo già in carico la richiesta di disattivazione del punto di consegna presentata dal precedente fornitore del cliente inadempiente. ITALGAS potrebbe così procedere, in tempi rapidi, ad una sorta di compensazione e dare il via libera al suo nuovo fornitore (in pratica senza svolgere alcuna attività).

Ad ogni modo può capitare che i punti di consegna (i contatori) dei clienti morosi in default, per i quali è stato richiesto il distacco dalla rete, risultino "oscurati" nel sistema informativo del gestore della rete di distribuzione, per cui fino all'intervento di disalimentazione di ITALGAS non sarà possibile procedere a volture o subentri. In un tale scenario, purtroppo, bisogna solo avere pazienza, essendo consapevoli che qualsiasi consumo verrà addebitato al precedente cliente: si tratta di una evidente criticità del sistema.

25 novembre 2017 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contratti fornitura luce gas acqua fonia – subentro
fornitura gas
morosità fornitura gas e luce
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Morosità nel pagamento delle bollette del gas - la procedura di default e l'impatto sul cliente finale
Il servizio di fornitura del gas si realizza attraverso la partecipazione di tre soggetti: il distributore, il venditore ed il cliente finale. Il distributore è il titolare di una concessione territoriale per lo svolgimento di un servizio pubblico ed ha come propri interlocutori le società di vendita del gas naturale, ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con ...
Utenze domestiche di luce e gas: il subentro e la voltura » Come risolvere il problema delle morosità pregresse
Come va gestita la morosità di bollette di luce e gas riguardo al subentro o la voltura delle utenze domestiche. Quando viene ceduto, oppure affittato nuovamente un immobile, può accadere, non di rado, che il precedente inquilino non abbia pagato una o più bollette di qualsivoglia utenza, che sia gas ...
Fornitura di acqua - A ciascun componente il nucleo familiare del cliente moroso in stato di disagio economico-sociale deve essere comunque garantito il quantitativo minimo vitale di 50 litri al giorno
L'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico, AEEGSI, ha messo nero su bianco, nel documento di consultazione 603/2017/R/idr , i primi orientamenti per la definizione di misure necessarie al contenimento della morosità nel settore del servizio idrico integrato, con particolare riferimento alle procedure di costituzione in mora ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca