Fondo patrimoniale dopo revoca vendita

Vorremmo vendere un piccolo immobile che ad oggi è inattaccabile essendo stato messo in fondo patrimoniale nel 2006.

Successivamente si sono creati grossi debiti per un'attivita commerciale di uno dei coniugi.

La domanda che vorrei porre è : se dopo la vendita equitalia fa ricorso per revocarla e dovesse ottenerlo, si ristabilisce anche il fondo patrimoniale, o questo andrebbe perduto?

La risposta è stata già fornita: il parere può non piacere e può anche essere giuridicamente infondato, ma non possiamo e non sappiamo esprimerne un'altro.

Si tratta di vendere un immobile già ipotecato, candidato a subire l'iscrizione di ulteriori ipoteche per debiti erariali per di più attraverso una transazione endofamiliare.

Per noi ci sono tutti gli ingredienti per una revocatoria della compravendita. Il che vuol dire che dopo la revocatoria non si può dire al giudice. "ok, ci abbiamo provato, adesso ci riprendiamo l'immobile e lo riconferiamo al fondo patrimoniale".

Per quanto "repetita iuvant", io non sarei neanche così sicuro dell'"inattaccabilità" dell'immobile. La giurisprudenza più recente è orientata a ritenere non opponibile il conferimento di beni al fondo patrimoniale quando i debiti siano di origine erariale, anche se i debiti sono riferiti a periodi di imposta successivi alla costituzione del fondo.

10 dicembre 2011 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fondo patrimoniale e trust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento di un immobile inserito in un fondo patrimoniale » Rientrano fra i bisogni della famiglia le bollette condominiali
Può essere disposto il pignoramento per una casa, inserita in un fondo patrimoniale, a causa di debiti contratti per oneri condominiali non corrisposti. Sono soggetti a esecuzione forzata i beni del fondo patrimoniale in caso di debiti contratti per i bisogni della famiglia tra i quali rientra il mancato pagamento ...
Costituzione del fondo patrimoniale revocabile in caso di fallimento di uno dei coniugi
L'esigenza dei coniugi di contribuire ai bisogni della famiglia non comporta affatto per essi l'obbligo di costituire i propri beni in fondo patrimoniale, che ha essenza e finalità diverse ed ulteriori, consistenti nel vincolare alcuni beni, sottraendoli alla garanzia generica di tutti i creditori. Pertanto, in caso di fallimento di ...
Fondo patrimoniale » Dopo il decesso del coniuge gli eredi rispondono dei debiti
Quando uno dei due coniugi muore, facendo così sciogliere il fondo patrimoniale precedentemente stipulato, gli eredi rispondono dei debiti del defunto con il bene inserito, da quest’ultimo, nel fondo stesso a lui prima intestato. Con il decesso di uno dei coniugi viene a mancare la destinazione dei beni nel fondo ...
Fondo patrimoniale e separazione legale dei coniugi
Condizione necessaria per la costituzione del fondo è, come sappiamo, l'esistenza di un regolare matrimonio fra i soggetti costituenti. La semplice separazione legale non comporta la cessazione degli effetti verso terzi della costituzione del fondo patrimoniale. Solo lo scioglimento del matrimonio (per decesso o annullamento) o la cessazione dello stesso ...
Fondo patrimoniale » Non sempre può essere opposto ad Equitalia
Quali sono i casi in cui un fondo patrimoniale può essere opposto ad Equitalia in occasione di un'iscrizione ipotecaria o di un pignoramento d'immobile? La costituzione del fondo patrimoniale prevista dall'articolo 167 del codice civile, così come stabilito dall'articolo 162 del codice civile per tutte le convenzioni matrimoniali, è opponibile ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca