Finanziaria chiede il pagamento di un debito ai parenti del debitore ancora vivo?

Mi riferisco a questo topic: ebbene, il nostro parente è tuttora in vita, e abbiamo controllato il numero che ci ha chiamato appartiene realmente ad una finanziaria ed allora ci chiediamo se sia legittimo questo comportamento e se non si violi la privacy delle persone informando altra gente di questioni personali.

Si tratta di una tecnica comune a molti operatori di società di recupero crediti. Pressione psicologica o, più "tera tera", sputtanamento del debitore.

Va bene fino a quando non incontrano qualcuno che sporge regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria e segnala la società al Garante della Privacy.

Ma, credo, che alla fine abbiano ragione loro. L'impunità per gli abusi e le violazioni della privacy è pressoché totale, in quanto sono poche le vittime che reagiscono e passano dalle parole ai fatti.

Basta leggere questa storia, verissima, per sapere che fine fa l'agente scorretto. E mi chiedo, spesso, quante denunce ci sarebbero se il debitore sapesse che poi, per evitare ulteriori grane, il credito viene quasi sempre classificato come inesigibile (insomma, va in cavalleria ..).

12 giugno 2012 · Loredana Pavolini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La finanziaria creditrice è obbligata, su istanza del debitore, ad informarlo entro 15 giorni circa eventuali segnalazioni inoltrate alle Centrali Rischi
Per quanto attiene l'obbligo di  informativa della finanziaria che eroga il credito, è intervenuta una interessante sentenza della Corte di Cassazione (la numero 349 del  9 gennaio 2013). I giudici, chiamati a decidere sul caso di un soggetto che si era visto rifiutare il riscontro circa l'esistenza di eventuali segnalazioni di ...
Gli eredi non hanno il diritto di conoscere i dati identificativi dei beneficiari della polizza sulla vita stipulata dalla persona poi defunta
In tema di trattamento dei dati personali, tra i dati concernenti persone decedute, ai quali hanno diritto di accesso gli eredi, non rientrano quelli identificativi di terze persone, quali sono i beneficiari della polizza sulla vita stipulata dal de cuius, ma soltanto quelli riconducibili alla sfera personale di quest'ultimo. In ...
Separazione personale per intervenuta omosessualità di uno dei coniugi - Nessun addebito
La giurisprudenza della Corte di cassazione ha sancito che il diritto alla separazione si fonda su fatti che nella coscienza sociale e nella comune percezione rendono intollerabile il proseguimento della vita coniugale, costituendo la intollerabilità un fatto psicologico squisitamente individuale, riferibile alla formazione culturale, alla sensibilità e al contesto interno ...
Quote condominiali - L'amministratore non può inviare il sollecito di pagamento al datore di lavoro del condomino moroso
L'Autorità per la protezione dei dati personali ha dichiarato illecito il trattamento effettuato da un amministratore che aveva inviato un sollecito di pagamento al datore di lavoro di un condomino in ritardo con il saldo di alcune rate, anziché a lui personalmente. Il sollecito di pagamento delle rate condominiali arretrate, ...
Autorità per la tutela della privacy - l'attività svolta nel campo del recupero crediti e della tutela del consumatore
Nella sala Koch di Palazzo Madama, l'Autorità per la tutela della privacy ha presentato martedì 10 giugno 2014 la sua Relazione annuale relativa all'attività svolta nel 2013, in cui ha fatto un'analisi dell'anno appena trascorso con particolare riferimento alle azioni intraprese nel campo del recupero crediti e della tutela del ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca