Accettazione implicita eredità

Cosa si intende per Con la cautela di non mettere in atto comportamenti che possano indicare una accettazione implicita dell’eredità? In quale caso potrei accettare implicitamente l’eredità?

Il finanziamento di cui mia madre è garante ha una assicurazione…. il punto è che questo come altri hanno rate pregresse non pagate. Quindi, vorrei capire se in questi casi c’è la possibilità che l’assicurazione non sia valida.

Un’altra domanda: supposto che non si possa fare ricorso alle assicurazioni per quanto scritto sopra, che relazione c’è tra la rinuncia all’eredità e la firma di garanzia? Può la rinuncia, annulare la garanzia sulle rate successive? E su quelle precedenti al decesso ma rimaste impagate?

Poiche le rate del finanziamento, e quindi anche i ratei dei premi assicurativi associati al finanziamento, non sono stati pagati, non ci sarà alcun rimborso polizza.

Ciò significa che sua madre, anche in caso di rinuncia all’eredità, sarà obbligata a rispondere dei debiti assunti dal coniuge garantito. Sia per quanto attiene le rate pregresse, rimaste impagate, che quelle future.

La tacita accettazione dell’eredità si ha quando, ad esempio, i chiamati all’eredità (vedova e figli) si recano in banca per prelevare i risparmi disponibili sul conto corrente del de cuius. O, anche, guidando il veicolo del de cuius ed incappando, magari, in una multa con contestazione immediata.

Altre fattispecie considerate come forma di accettazione tacita:

  • pagamento di debiti ereditari mediante danaro prelevato dall’asse
  • atti dispositivi di beni ereditari
  • protesto di effetti cambiari rilasciati al defunto da terzi
  • esercizio dell’azione di risoluzione di un contratto stipulato dal de cuius
  • conferimento di un mandato a compiere tutti gli atti relativi all’amministrazione dei beni ereditari
  • conferimento a un procuratore del potere di agire come erede in rappresentanza del chiamato
  • esercizio dell’azione di riduzione
  • impugnazione di disposizioni testamentarie
  • ricorso contro l’accertamento relativo all’imposta di successione
  • proposta di contratto relativa ai beni ereditari
  • domanda giudiziale di divisione ereditaria
  • riscossione del rateo di stipendio, pensione o altre somme spettanti al de cuius.

13 Febbraio 2012 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accettazione con beneficio di inventario - Entro quanti anni si può rinunciare all'eredità?
Nel caso una società di recupero crediti tentasse di attivare la riscossione di un prestito personale ottenuto da un soggetto defunto 9 anni prima, gli eredi con beneficio di inventario sono tenuti a rispondere del credito stesso? In particolare, nel passato, gli eredi sebbene beneficiati di inventario hanno già pagato altri debiti del defunto nei limiti del ricevuto. Attualmente converrebbe fare una rinuncia dell'eredità? Si può rinunciare all'eredità dopo 9 anni e mezzo dalla morte del soggetto? Si può rinunciare all'eredità se prima la si era accettata con beneficio di inventario? Ricordo che il prestito personale fu attivato dal de ...

Eredità e ratei maturati non riscossi - Possibile revocare l'accettazione tacita dell'eredità?
Mio padre è deceduto il 24 luglio 2018: successivamente affidandoci ad un patronato di zona ho provveduto a far presentare istanza di reversibilità a mia madre e, contestualmente, l'addetto del sindacato ci faceva fare fare anche una istanza per percepire cosiddette rate maturate non riscosse, in qualità di eredi, quindi oltre a mia madre anche noi figli (siamo in due). Somma che l'inps dovrà corrispondere in parti uguali. Sin qui nulla quaestio. Il quesito nasce per quanto concerne i debiti con una finanziaria da parte di mio padre oramai defunto e quindi la possibilità di restarne fuori con espressa rinuncia ...

Debiti Casa in eredità e fissazione termine per accettazione
Ho contratto vari debiti per i quali mi sono stati notificati due decreti ingiuntivi: da poco è morto un mio zio del quale sono erede con i miei 2 fratelli e mi è stata notificata, da parte di uno dei creditori, un ricorso per l'accertamento dell'accettazione tacita dell'eredità, (non ho ben capito perché avrei compiuto degli atti nei quali sembrerebbe io abbia accettato l'eredità), e in subordine la fissazione di un termine per l'accettazione o la rinuncia. Cosa posso fare per tutelarmi? Ad oggi dietro consiglio di un amico ho solo presentato richiesta di successione, ma non ho provveduto a ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accettazione implicita eredità