Figli a carico e condizione di famiglia numerosa

Il mio compagno, lavoratore dipendente, ha due figli studenti di 17 e 21 anni avuti dal precedente matrimonio. Con l'ex moglie, libera professionista, sono divorziati da diversi anni e i figli sono sempre stati residenti con la madre.

I figli sono a carico al 50% tra il mio compagno e l'ex moglie ma gli assegni familiari non li prende nessuno, appunto perchè lei non è dipendente e loro hanno la residenza con lei.

Il mio compagno versa un assegno di mantenimento per i soli ragazzi. Noi abbiamo due figli piccoli a carico al 50% (gli assegni familiari li prende solo il mio compagno). Io sono lavoratrice dipendente.

Se il mio compagno si mette a carico al 100% tutti e 4 i figli col consenso dell'ex moglie,può usufruire della tassazione agevolata per famiglie numerose? Se ciò fosse fattibile, sarebbe necessario spostare anche la residenza dei due figli o basta la loro messa a carico ai fini irpef?

Se lui se li mette a carico ai fini irpef, sarà possibile inserirli nel nostro prossimo modello isee anche se non risiedono con noi, cioè non fanno parte della famiglia anagrafica? (ci potrebbe aiutare per l'asilo nido del nostro ultimogenito).

Esaminiamo innanzitutto la questione relativa alle detrazioni IRPEF per figli a carico. Non è necessario appartenere alla medesima famiglia anagrafica per poter fruire delle detrazioni. Nel caso di separazione legale o divorzio le detrazioni spettano nella misura del 50% ciascuno ai due genitori. Se c'è accordo, le detrazioni per figli a carico possono essere fruite al 100% dal genitore che ha reddito più alto.

Per quanto attiene l'ISEE, un figlio minore appartiene al nucleo familiare del genitore con cui forma famiglia anagrafica, indipendentemente dall'aspetto di carico fiscale. Quindi, nel caso, per il figlio 17enne del suo compagno si impone il cambio di residenza, oppure l'attesa della maggiore età.

Per gli assegni familiari, conviene far riferimento alla circolare INPS numero 48 del 1992, che descrive le situazioni che vengono a definirsi in caso di separazione legale o di divorzio. Che sono le seguenti:

  1. coniuge affidatario titolare di una posizione tutelata (rapporto di lavoro, pensione, ecc.): è l'esclusivo titolare del diritto a percepire l'assegno. Il nucleo familiare risulta essere composto, a seguito della separazione, da egli stesso e dai figli affidati;
  2. coniuge affidatario non titolare di una posizione protetta: esercita il diritto all'assegno per il proprio nucleo familiare sulla posizione lavorativa dell'altro coniuge o ex coniuge. Il nucleo familiare è costituito dall'affidatario e dai figli affidati. Il reddito familiare è quello corrispondente a tale composizione.

Oppure alla circolare numero 48 del 1992 e numero 36 del 2008 che affronta le problematiche relative agli assegni familiari quando i figli del richiedente siano naturali e riconosciuti da entrambi i genitori. In essa si afferma sostanzialmente che il nucleo familiare costituito intorno ad un solo genitore, i cui figli naturali siano stati riconosciuti anche dall'altro, può essere assimilato al nucleo derivante dalla separazione legale (divorzio) in quanto, analogamente al nucleo formato dall'affidatario e dai figli affidati, esso è costituito dal genitore naturale, cui spetta la potestà (art. 317-bis c.c.), e dai figli che dalla documentazione anagrafica risultano conviventi. Il diritto all'assegno è riconosciuto al genitore convivente con i figli, titolare di una propria posizione tutelata.

Da quanto esposto emerge l'ininfluenza della situazione di carico fiscale dei figli rispetto alla composizione di nucleo familiare ANF e, comunque, l'impossibilità per il suo compagno di fruire degli assegni familiari per i figli affidati all'ex coniuge.

Si evince altresì che anche lei, in quanto lavoratrice dipendente, potrebbe percepire assegni familiari per i due figli, al posto del suo compagno. In tale evenienza, l'ex coniuge del suo compagno potrebbe percepire gli assegni familiari sulla posizione dell'ex marito (a meno che l'ex signora non percepisca redditi elevati).

14 marzo 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno di mantenimento o divorzile per coniuge e figli
ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

DSU ISEE per minorenne - Nucleo familiare con padre non convivente non coniugato e senza figli riconosciuti con altre donne
Ho letto che per una coppia di fatto come la mia il nucleo famigliare è quello dello stato di famiglia: mamma e bambino, perchè il papà è residente altrove e non siamo sposati. Vorrei sapere se a Torino esiste una delibera specifica per cui va considerato anche il padre per ...
Dichiarazione dei redditi - le detrazioni per figli a carico
E' considerato fiscalmente a carico, il figlio che nell'anno di imposta oggetto della dichiarazione ha percepito un reddito complessivo uguale o inferiore a 2 mila e 840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Può essere considerato fiscalmente a carico il figlio che non convive con il contribuente o risulta residente ...
Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'accesso a prestazioni socio sanitarie - Il nucleo familiare ristretto
Le prestazioni sociosanitarie, ai sensi della definizione adottata a fini ISEE, sono identificate come le prestazioni sociali agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria. Si tratta di prestazioni rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell'autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti: di sostegno e di ...
Dichiarazione dei redditi – detrazioni per i familiari a carico
PRESUPPOSTI E PRINCIPALI REGOLE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA DETRAZIONE PER I FAMILIARI A CARICO Dal 1º gennaio 2007, i contribuenti che hanno familiari a carico usufruiscono, in luogo delle vecchie deduzioni dal reddito, di detrazioni d'imposta, nella misura indicata dall'articolo 12 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR). Sono ...
Spese straordinarie per il mantenimento dei figli - nessun obbligo di informazione e concertazione preventiva a carico del coniuge separato affidatario o collocatario
Non è configurabile a carico del coniuge affidatario o collocatario un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con l'altro, in ordine alla determinazione delle spese straordinarie, compatibili con i mezzi economici di cui i genitori dispongono trattandosi di decisione "di maggiore interesse" per il figlio, e sussistendo, pertanto, a ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca