Fideiussione – vendita del proprio patrimonio e azione della banca

Argomenti correlati: ,

Ho firmato una fideiussione a favore della banca, a garanzia di un debito di mia moglie: anche se sono fideiussore, posso vendere gli immobili di cui sono proprietario? Se lo posso fare come può agire la banca nei miei confronti anche qualora neanche il mio reddito sia in grado di coprire il debito garantito?

Se la banca ha ritenuto di non iscrivere ipoteca sugli immobili di proprietà del fideiussore, a garanzia del credito vantato nei confronti del debitore principale, il fideiussore può vendere le proprietà senza pagare pegno, per il momento.

Naturalmente, per evitare un’azione revocatoria da parte della banca, l’acquirente deve essere un terzo che compra a prezzo di mercato e non con intenti speculativi. Meglio, per tutti, se l’immobile è destinato a unità abitativa dell’acquirente o dei suoi congiunti.

La vendita, inutile aggiungerlo, non deve essere simulata (il trasferimento di denaro, tanto per capirci, deve risultare reale e dimostrabile senza successivi “cavalli di ritorno”). Altrimenti la banca avrà buon gioco a chiedere ed ottenere dal giudice la declaratoria di nullità dell’atto.

Cosa potrà fare la banca dopo che il fideiussore si sarà spogliato dei beni immobili di proprietà?

Innanzitutto, la banca potrà pignorare i conti correnti del fideiussore, laddove andranno necessariamente depositati i soldini frutto della vendita degli immobili.

Eggià, e questo è un altro problema. Il fideiussore ha poche alternative: o porta materialmente i soldi all’estero (a mano in borsa, non con bonifico ovviamente), o li nasconde nei materassi di casa, o se li spende tutti in poco tempo in donne, gioco e champagne, oppure li trasferisce sul conto corrente intestato a persona fiduciaria, con tutti i rischi che ciò comporta.

Fortemente sconsigliate, in questa situazione, anche le eventuali donazioni ai figli.

Se tutto va a buon fine, alla banca non resterà che pignorare il quinto di un eventuale stipendio del fideiussore e/o del debitore principale.

Ah, un’ultima cosa: i figli del fideiussore e del debitore principale devono rinunciare all’eredità di entrambi.

13 Ottobre 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fido con fideiussione personale e fideiussione Eurofidi - La banca creditrice può scegliere chi escutere?
La mia società – una srl della quale sono amministratore unico – prende un Fido di € 50.000 dalla Banca con garanzia Eurofidi + fideiussione personale (per un importo di €120.000). Dopo un anno la Banca non rinnova il Fido alla società e chiede il rientro. La società non rientra del Fido. Ora, la Banca può esigere l'escussione del debito solo alla società (debitore principale) e a me in quanto garante, escludendo Eurofidi? Può la Banca decidere arbitrariamente se esigere il debito da un fideiussore solo (io) e non da entrambi, considerato anche che Eurofidi garantiva per l'80%? ...

La banca può procedere con azione revocatoria dell'atto di vendita della casa effettuata quattro anni prima della notifica del decreto ingiuntivo?
In riferimento a questo quesito, vorrei fare alcune precisazioni: io e mio marito abbiamo rilasciato fideiussione, nell'ottobre 2012, a favore di mio fratello, per un mutuo ipotecario della banca per estinguere i suoi debiti, ma l'ipoteca è stata posta all'immobile di mio fratello (non di proprietà dei garanti), poi pignorato nel 2016 (da altro creditore) e di cui la Banca NON ha ottenuto NULLA nonostante fosse INSINUATA NEI CREDITORI. Noi Abbiamo solo concesso fideiussioni SENZA IPOTECA sulla nostra casa: del Finanziamento il fratello ha pagato due rate (delle 120) poi più . Nell'aprile 2013 abbiamo venduto casa (due appartamenti cointestati) ...

Accoglibile l'azione revocatoria della vendita della casa del debitore al proprio coniuge
La prova della partecipazione alla frode del terzo, necessaria ai fini dell'accoglimento dell'azione revocatoria ordinaria nel caso in cui l'atto dispositivo sia oneroso e successivo al sorgere del credito, può essere ricavata anche da presunzioni semplici, ivi compresa la sussistenza di un vincolo parentale tra il debitore ed il terzo, quando tale vincolo renda estremamente inverosimile che il terzo non fosse a conoscenza della situazione debitoria gravante sul disponente. Pertanto inutile per il debitore, dopo l'insorgenza del credito, vendere alla moglie la casa coniugale, inserendo l'atto oneroso di trasferimento della proprietà negli accordi accessori alla separazione personale tra i coniugi. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fideiussione – vendita del proprio patrimonio e azione della banca