Fideiussioni personali a favore di due società a responsabilità limitata dichiarate fallite – Quando si prescrive il diritto ad escutere il fideiussore?

Sono un quarantenne, ex amministratore, socio di 2 srl e fideiussore personale, ahimé fallite quattro anni fa.

Il dissesto finanziario ha determinato il mancato pagamento dei debiti contratti dalle società fra i quali i debiti bancari, garantiti da fideiussioni personali anche del sottoscritto (le prime rate impagate risalgono ai primi mesi del 2011).

Nel frattempo le società sono fallite e il tribunale ha emesso il suo verdetto.

Durante questo arco di tempo rilevo la ricezione di numerose raccomandate da parte dei creditori (soprattutto banche e società di recupero crediti) indirizzate alle società e in parte, ai fideiussori.

Premetto che a oggi nessuna azione è stata posta in essere nei confronti dei fideiussori, compreso il sottoscritto.

Proprio la settimana scorsa ho ricevuto una lettera (posta ordinaria) molto scarna con un bigliettino scritto a penna nella quale un funzionario di una società di recupero crediti mi invitava a contattarlo al suo numero di telefono personale per importanti informazioni.

Al suddetto invito non ho risposto.

A tal proposito, Vi porgo delle domande alle quali il mio avvocato è stato particolarmente vago:

1. Le fideiussioni sono soggette a prescrizione decennale?

2. in caso affermativo, il conteggio partirebbe dalla prima rata impagata del debitore principale (quindi nei primi mesi del 2011)?

3. Una volta prescritte le fideiussioni, è come se si fossero estinte?

4. A vostro modo di vedere, considerato che sono passati già diversi anni, quante probabilità vi sono che le banche e/o società di recupero crediti, possano eseguire delle azioni contro la mia persona (chiaramente nullatenente) quali decreti ingiuntivi e relativi pignoramenti?

Come ogni obbligazione a garanzia di un credito, la fideiussione si prescrive in dieci anni e il termine di prescrizione può senz’altro ritenersi decorrente dal mancato pagamento della prima rata di rimborso del finanziamento concesso al debitore principale.

E’ praticamente estinta la fideiussione una volta prescritto il diritto del creditore che, nel decennio, resta inerte e omette di avviare azioni esecutive nei confronti del debitore o del garante o, almeno, non notifica a questi ultimi la pretesa di rimborso.

Il fatto che lei sia stato contattato per posta ordinaria con l’invito a contattare un numero telefonico depone per l’intervenuta cessione a società di recupero del credito coperto da fideiussione.

Ciò rappresenta senz’altro un vantaggio per l’obbligato che intende chiudere definitivamente la propria posizione debitoria con un consistente sconto rispetto all’importo originario del debito (saldo stralcio). Tuttavia, queste società di recupero crediti si guardano bene dall’anticipare tempo e denaro per una preventiva analisi patrimoniale del debitore che tentano di escutere e per questo la condizione di nullatenente non emerge immediatamente, ma occorre del tempo durante il quale si succederanno, di norma, visite domiciliari e pressanti chiamate telefoniche da parte degli operatori di phone collection.

Proprio per le motivazioni appena richiamate (e per altre che non ci dilunghiamo qui ad esporre, ma che può rinvenire sfogliando le pagine del sito dedicate al recupero crediti) raramente accade che una società di recupero crediti proceda giudizialmente, nei confronti del debitore, con la richiesta di un decreto ingiuntivo.

18 Aprile 2017 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fideiussione - Quando si prescrive?
Nel 2006 aiuto un amico che chiede un prestito postale per comprare un'auto: non ricordo neppure l'importo, ma si tratta di circa 4/5000 euro per i quali ho firmato come garante. Negli anni questa nostra amicizia finisce e non manteniamo nessun rapporto. Io pure avevo dimenticato di aver messo questa firma. Nel mese di aprile è venuto una ditta recupero crediti che mi chiede 2.500 euro relativa a quella firma, dopo 13 anni. Senza mai un sollecito. Possono farlo? Sono obbligata? Io non riesco neppure a contattare quel mio ex amico. ...

Società che non rimborsa il credito ottenuto e responsabilità patrimoniale del fideiussore
Sono stato, sino a poco tempo fa, amministratore di una srl della quale sono ancora socio ed ho rilasciato fideiussione per un mutuo insieme ad altri soci. Se il nuovo amministratore decidesse di non pagare il debito o le rate, chi verrà iscritto come cattivo pagatore? La società o lui? I soci fideiussori saranno avvertiti? Saranno anch'essi iscritti come cattivi pagatori? ...

Fideiussione prestata in favore di una società per la quale è stata attivata la procedura fallimentare
Ho prestato fideiussioni omnibus (con limite di € 50 mila) ad una società cooperativa di cui ero socio, che chiamerò società A: la società A ha fondato poi la società B (di cui la società A era socio di maggioranza, con il 90% delle quote). La società A è fallita, e alla società B (che a sua volta aveva fideiussioni bancarie di due persone fisiche e della società A) è stato revocato il rapporto bancario per morosità ed ha mandato atto di costituzione in mora alla Società B, chiamando a rispondere i fideiussori Tizio, Caio e la società B. La ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fideiussioni personali a favore di due società a responsabilità limitata dichiarate fallite – Quando si prescrive il diritto ad escutere il fideiussore?