Fendinebbia e retronebbia: è consentito tenerli accesi sempre? – Ecco cosa dice il Codice della Strada

Nel mio paese c’è un automobilista ostinato, di conoscenza di tutti, che si ostina ad accendere sia i fendinebbia che i retronebbia, sempre, per rendere più accattivante, alla vista altrui, la sua auto.

Ciò provoca fastidio agli occhi e pericolo per me e gli altri guidatori.

Ma è consentito accendere questo tipo di luci sempre?

Cosa dice il codice della strada in merito?

L’utilizzo dei fari fendinebbia e di quelli retronebbia (rispettivamente quelli davanti e quelli dietro l’auto) è strettamente connesso alle condizioni meteo: ciò è fondamentale perché fin troppo spesso si abusa di queste particolari luci da parte di automobilisti poco attenti, finendo con il renderle fastidiose per gli atri utenti della strada quando non sono necessarie.

Del resto, basterebbe il nome a circoscriverne l’utilizzo: i fari antinebbia vanno usati in presenza di foschia, quando gli anabbaglianti non sono sufficienti a garantire la visibilità e gli abbaglianti sarebbero addirittura deleteri perché la luce alta e potente si riflette sulle piccole gocce di umidità in sospensione nell’aria.

Comunque, il Codice della Strada, all’articolo 151, comma C sulle definizioni relative alle segnalazioni visive e all’illuminazione dei veicoli a motore e dei rimorchi, definisce i fari fendinebbia anteriori come dispositivi che servono a migliorare l’illuminazione della strada in caso di nebbia, caduta di neve, pioggia o nuvole di polvere.

I fendinebbia non sono un dispositivo obbligatorio sugli autoveicoli, su alcuni, soprattutto negli allestimenti meno ricchi, non sono presenti oppure sono degli accessori offerti a pagamento, mentre sulle versioni più complete sono spesso di serie.

Servono a migliorare la visibilità in presenza di foschia, nebbia, pioggia e neve, grazie ad un fascio luminoso puntato più in basso rispetto ai fari tradizionali.

I retronebbia invece sono un dispositivo obbligatorio su qualsiasi veicolo, talvolta limitato ad un solo proiettore, posizionato indifferentemente a destra, a sinistra o al centro della parte posteriore del mezzo, altre invece comprendente luci posizionate su entrambi i lati.

Il compito della luce retronebbia è quello di rendere visibile il veicolo ai mezzi che lo seguono in presenza di scarsa visibilità, dovuta agli stessi fenomeni meteo che rendono necessaria l’accensione dei fendinebbia.

Tanto i fari fendinebbia tanto i retronebbia vanno usati solo in caso di necessità e sempre con particolare attenzione, l’articolo 153 C.d.S., che disciplina l’uso dei fari prescrive al comma 2 anche l’uso dei dispositivi antinebbia.

In caso di pioggia molto forte, oppure durante una nevicata in atto, le luci antinebbia anteriori sostituiscono gli anabbaglianti grazie al fascio di luce che illumina poco al di sopra della superficie stradale e ai lati del muso del veicolo.

I retronebbia, più potenti rispetto alle luci di posizione posteriori, rendono più visibile il veicolo a chi segue aumentando la sicurezza.

In caso di foschia o di nebbia, i fari fendinebbia diventano gli unici proiettori in grado di illuminare in maniera efficace la strada.

Grazie al faro di luce indirizzato verso il basso, infatti, evitano il fenomeno della rifrazione della luce sulle piccole goccioline d’acqua che rimangono sospese in aria, e che più vengono illuminate – ad esempio tramite i fari abbaglianti – e più rendono difficoltosa la guida.

In caso di foschia e nebbia, il faro retronebbia permette che il veicolo venga visto anche a distanza, e il mancato utilizzo viene punito con una sanzione compresa tra 41 e 168 euro e la decurtazione di un punto.

Di contro, utilizzare fendinebbia e retronebbia quando non è necessario è inutile e può diventare fastidioso e quindi pericoloso.

Ad esempio, in condizioni meteo ottimali il retronebbia tende ad abbagliare gli automobilisti che seguono, diventando un pericolo per la sicurezza.

Analogamente, i fendinebbia possono risultare fastidiosi quando si incrocia un veicolo: l’uso improprio dei fari antinebbia è punito con una sanzione compresa tra 41 e 168 euro.

16 Dicembre 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Guidare l'auto in infradito o scalzi - E' consentito dal codice della strada?
Mio figlio, per andare al mare, si mette sempre a guidare l'auto scalzo, o al massimo in infradito: essendo, secondo me, pericoloso, gli dico sempre che ciò non è consentito dal codice della strada. Non sono sicura, però, che sia vero. Potreste aiutarmi con qualche norma per scoraggiarlo? ...

Bagagli in auto - Ecco cosa dice la normativa del codice della strada: le regole da rispettare per non incorrere in sanzioni
Devo partire per un viaggio in Grecia, e per risparmiare qualcosa porterò al seguito la mia auto, imbarcandomi in Puglia: dovrò portare molti bagagli con me dato che starò via quasi un mese. La mia vettura non è molto spaziosa, e avrò bisogno di supporti per trasportare tutto. Vorrei sapere quali sono le norme del codice della strada per il trasporto di bagagli e a cosa vado incontro in caso di infrazioni. ...

Sinistro stradale causato da segnaletica non a norma » L'ente proprietario della strada è sempre responsabile
Se il sinistro stradale è stato causato da una segnaletica stradale insufficiente o collocata in modo non idoneo ad avvisare gli automobilisti del pericolo, l'ente proprietario della strada è sempre responsabile. Questo, sia per il caso di strade urbane che per quelle extraurbane. Ciò è quanto ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza 13364/14. In tema di incidenti causati da vizi del suolo pubblico, i giudici di piazza Cavour hanno sempre fatto una distinzione. La regola base che disciplina la materia è quello della cosiddetta responsabilità oggettiva da parte dell'ente titolare del suolo: praticamente, quest’ultimo è sempre responsabile, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fendinebbia e retronebbia: è consentito tenerli accesi sempre? – Ecco cosa dice il Codice della Strada