Fallito personalmente

Mi è fallita un snc nel 2008: non riesco a trovar lavoro e chiedo se posso riaprirmi una partita iva e se posso richiedere l'esdebitazione.

L'esdebitazione non è, ormai, più possible, dal momento che i criteri per essere ammessi al beneficio previsti all'esdebitazione sono i seguenti:

  1. il fallito deve aver fattivamente collaborato con la procedura sia nella fase dell'accertamento del passivo (fornendo tutte le informazioni ed i documenti utili) sia adoperandosi per un proficuo svolgimento delle operazioni;
  2. il fallito non deve aver ritardato o contribuito a ritardare la procedura;
  3. il fallito deve aver consegnato, durante la procedura, al curatore la corrispondenza a lui pervenuta, riguardante i rapporti compresi nel fallimento;
  4. il fallito non deve essere stato ammesso ad altra esdebitazione nei dieci anni precedenti alla richiesta;
  5. il fallito non deve avere distratto l'attivo o esposto passività inesistenti, non abbia causato o aggravato il dissesto rendendo gravemente difficoltosa la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari o fatto ricorso abusivo al credito;
  6. il fallito non abbia subito condanna, passata in giudicato, per bancarotta fraudolenta o delitto contro l'economia e altri compiuti in connessione con l'esercizio dell'attività d'impresa.

Inoltre è necessario che nella procedura siano stati soddisfatti, almeno in parte, i creditori concorsuali.

L'ammissione all'esdebitazione, ricorrendo i presupposti appena indicati, è automaticamente dichiarata dal tribunale in sede di decreto di chiusura. Il debitore fallito può, nel caso in cui il tribunale non abbia ritenuto di concedere al fallito l'ammissione alla esdebitazione nell'atto di chiusura, presentare ricorso entro l'anno successivo.

Cosa che purtroppo, desumo, lei non ha fatto.

Poichè il fallimento è stato chiuso, può aprire una nuova partita Iva e può iniziare cosi una nuova attività imprenditoriale. Ovviamente, con tutte le difficoltà che un precedente fallimento personale comporta.

13 novembre 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Esdebitazione fallimentare - la liberazione dai debiti dell'imprenditore fallito
Va innanzitutto chiarito che un imprenditore, per poter essere considerato "fallibile", deve possedere almeno uno dei seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo superiore ad euro trecentomila; ...
Rimborso parziale dei crediti - La valutazione discrezionale del giudice stabilisce se il fallito ha diritto alla esdebitazione
La legge fallimentare prevede che l'esdebitazione non possa essere concessa qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali. Il riferimento alla soddisfazione, almeno parziale, dei creditori concorsuali attribuisce al giudice di merito un ambito di valutazione discrezionale circa la portata effettivamente satisfattiva delle ripartizioni parziali. E, infatti, ...
L'amministratore che riscuote i propri crediti di lavoro verso la società fallita integra gli estremi della bancarotta preferenziale e non di quella fraudolenta
L'amministratore che si ripaghi dei suoi crediti verso la società fallita relativi a compensi per il lavoro prestato, prelevando, ovvero comunque ottenendo, dalla cassa sociale una somma congrua rispetto a tale lavoro, risponde di bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione? Al quesito hanno risposto i giudici della sezione penale della Corte ...
Nuova attività del fallito - I redditi sono destinati a servire il debito residuo dedotte le spese di produzione e quanto serve a mantenere la famiglia
Se, anche dopo la dichiarazione di fallimento, un terzo soggetto versa al fallito il corrispettivo per le prestazioni relative ad una nuova attività, egli potrebbe rischiare di vedersi richiedere nuovamente l'importo dal curatore del fallimento con una eccezione di inefficacia del pagamento avvenuto nelle mani del fallito. Sulla questione è ...
Quando una proprietà indivisa è per il debitore un peso di cui sbarazzarsi
Illustro brevemente la mia situazione che da circa 2 mesi a questa parte, mi logora. Ho due contratti di finanziamento con la Santander Consumer Bank, di cui uno di circa 28.000€ e l'altro di 4500 €, in più, sempre con loro ho una carta revolving (per 1500 €).  Un altra ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca