Facebook e scandalo furto dati – E’ vero che se ne occuperà l’Antitrust?

In merito al famigerato scandalo di Facebook e del furto dei dati di milioni di utenti, ho sentito dire che l’antitrust ha aperto un indagine.

Cosa ne verrà fuori?

Saremmo finalmente tutelati e la nostra privacy verrà protetta?

E’ vero: dopo l’indagine del Garante per la privacy, arriva per Facebook l’istruttoria dell’Antitrust che verificherà l’adozione di pratiche scorrette del social network.

In poche parole, Facebook non informerebbe in modo adeguato sulle sue attività relative ai dati degli utenti.

Ci si aspetta, dunque, di verificare se la piattaforma di scambio dei propri dati con operatori terzi viene attivata automaticamente senza consenso esplicito da parte dell’utente, ferma restando la possibilità di revocarlo in un secondo momento.

Secondo la nota dell’Authority, queste condotte potrebbero configurare una condotta commerciale scorretta poichè Facebook non informerebbe adeguatamente e immediatamente, in fase di attivazione dell’account, l’utente dell’attività di raccolta e utilizzo, a fini commerciali, dei dati che egli cede.

Infatti, tali comportamenti potrebbero integrare due distinte pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt. 20, 21, 22, 24 e 25, del Codice del Consumo, in quanto, da un lato, Facebook non informerebbe adeguatamente e immediatamente, in fase di attivazione dell’account, l’utente dell’attività di raccolta e utilizzo, a fini commerciali, dei dati che egli cede.

Dall’altro, Facebook avrebbe esercitato un indebito condizionamento nei confronti dei consumatori registrati, i quali, in cambio dell’utilizzo di Facebook, presterebbero il consenso alla raccolta e all’utilizzo di tutte le informazioni che li riguardano (informazioni del proprio profilo FB, quelle derivanti dall’uso di FB e dalle proprie esperienze su siti e app di terzi), in modo inconsapevole e automatico, tramite un sistema di preselezione del consenso e a mantenere lo status quo per evitare di subire limitazioni nell’utilizzo del servizio in caso di deselezione.

Staremo a vedere quali saranno i prossimi sviluppi.

9 Aprile 2018 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Scandalo Facebook: Mark, che combini! - E ora: bisogna cancellarsi dal social?
Ho seguito con discreta attenzione le dinamiche inerenti allo scandalo dei dati venduti da Facebook ad una società di statistiche: sono rimasta veramente molto turbata da questa violazione gravissima della privacy. Nel dettaglio, però, non ho capito molto bene cosa è accaduto. Vorrei saperne qualcosa in più e soprattutto sapere, se, alla luce di questo avvenimento, come ci si debba tutelare. Conviene eliminarsi definitivamente dal social per proteggersi? ...

Nuovo scandalo dati: coinvolti Facebook ed Amazon - La nostra privacy è davvero a rischio?
Ho letto velocemente sul web che ci sarebbe stato un altro furto di dati inerente a Facebook: tra l'altro dovrebbe essere coinvolta anche Amazon stavolta. Io sono iscritto su entrambi i siti. Dovrei iniziare a preoccuparmi per la mia privacy? ...

Furto dati telefonia mobile - Tutto a causa di una falla nella rete 4g?
Ho sentito due persone, in metro, che parlavano di un fantomatico furto di dati che sta avvenendo nel mondo della telefonia attraverso una falla nella rete 4g: sono un po scettico sulla questione. Vorrei sapere se è vero e di cosa si tratta. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Facebook e scandalo furto dati – E’ vero che se ne occuperà l’Antitrust?