Evasione fiscale?

Essendo uscito indenne da una tentata truffa sto cercando le cose che potranno aiutarmi per una denuncia-querela.

Ho cercato di acquistare una playstation per mio figlio da un negozio fisico che vende anche online, mi e’ stato richiesto un bonifico anticipato a nome e sul conto del titolare dell’attivita’.

Quando,dopo trenta giorni la merce non e’ ancora stata spedita, invoco il diritto di recesso e il rimborso della somma anticipata.Allo scadere del 14 giorno (quelli previsti dalla legge per il rimborso) mi viene inviato un bonifico ,ma non dal titolare ma dal conto della società (una s.n.c.).

La mia domanda e’: e’ legale per un titolare snc farsi pagare sul proprio conto (iban e banca diverse da quella della societa’) e rimborsare dal conto della societa’? Dato che la cosa mi sa di evasione fiscale ci terrei ad aggiungerla alla denuncia.

In una società di persone (quale quella in nome collettivo) i beni del titolare e quelli della società si confondono. Un conto corrente intestato alla persona fisica ed un conto corrente intestato al soggetto giuridico sono praticamente la stessa cosa.

In altre parole, ai fini fiscali, il titolare della società in nome collettivo è sottoposto a verifica per le entrate e le uscite consolidate risultanti dal complesso dei conti correnti intestati a lui direttamente o alle società di persona di cui è titolare o socio.

Un versamento sul conto corrente personale del titolare ed un esborso da quello della società in nome collettivo si compensano. Diverso il discorso se si fosse trattato di una srl.

Nella eventuale denuncia, eviterei di insistere su quelli che sembrano aspetti puramente formali e non sostanziali.

18 Gennaio 2015 · Roberto Petrella

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Le somme prelevate con carte di credito e bancomat possono costituire elementi presuntivi di evasione fiscale
Per legge, l'esistenza di attività non dichiarate può desumersi anche sulla base di presunzioni semplici, purché queste siano gravi, precise e concordanti. Inoltre l'inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione dei redditi può, in particolare, derivare dalla incompletezza, inesattezza e non veridicità delle registrazioni contabili, desumibile anche da altri documenti relativi all'impresa. Ad esempio, la discordanza tra le somme riscosse dal contribuente tramite carta di credito e p.o.s. ed i ricavi risultanti dalle scritture contabili dichiarati dalla società, integra senz’altro una presunzione legale di maggiori ricavi, corrispondenti alle rimesse attive della carta di credito e del bancomat, conformemente a quanto già ...

Evasione fiscale e sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente - Come funziona per conto corrente ed immobili in comproprietà o in comunione
Qualora il prezzo o il profitto derivante dal reato sia costituito da denaro, la confisca delle somme di cui il soggetto abbia comunque la disponibilità deve essere qualificata come confisca diretta. In tal caso, tenuto conto della particolare natura del bene, non occorre la prova del nesso di derivazione diretta tra la somma materialmente oggetto della confisca e il reato. Infatti, ove il profitto o il prezzo del reato sia rappresentato da una somma di denaro, questa, non soltanto si confonde automaticamente con le altre disponibilità economiche dell'autore del fatto, ma perde qualsiasi connotato di autonomia quanto alla relativa identificabilità ...

Evasione fiscale e sequestro preventivo - Quando il terzo può pagare l'imposta evasa ponendo fine alla confisca
In tema di reati tributari, il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del profitto del reato, corrispondente all'ammontare dell'imposta evasa, può essere legittimamente mantenuto fino a quando permane l'indebito arricchimento derivante dall'azione illecita, che cessa con l'adempimento dell'obbligazione tributaria. Il mantenimento del sequestro preventivo è giustificato fino al momento in cui si realizza il recupero delle imposte evase a favore dell'amministrazione finanziaria con corrispondente riduzione del patrimonio personale del contribuente, momento superato il quale non ha più ragione di essere mantenuto in vita la misura cautelare. Se l'evasore è anche creditore di un terzo soggetto e quest'ultimo salda il ...

Dove mi trovo?