Rata debito

Nel febbraio scorso (8 anni dal presunto debito) il legale di una casa editrice mi ha diffidata a pagare una presunta “rata” che io non ritenevo di dovere.

Si trattava di una serie di pubblicazioni che l'editore mi inviava a seguito proposta telefonica (nessun contratto, nessuna firma che io ricordi). La prima l'ho ricevuta e pagata, le altre le ho rispedite (rifiutate al mittente) perché facevano pena e compassione.

Ho incautamente ignorato la diffida e ora (un altro anno ancora è trascorso) ho ricevuto addirittura una citazione a comparire davanti al Giudice di Pace a Milano (io sono di Catania) per quel presunto debito, con il rischio di dover pagare anche interessi e spese legali!

Telefonicamente, mi è stato elegantemente fatto notare che assumere un avvocato a mia volta per difendermi e presenziare all'udienza a 1200 km di distanza sarebbe più oneroso che pagare un debito che non credo di avere.

A me sembra un'estorsione mascherata. Io non ricordo di avere alcun pagamento in sospeso con la società che mi cita, ma non ho nessun tipo di documentazione (neanche di quella pubblicazione ricevuta e pagata…sono passati quasi dieci anni, avrei dovuto conservarli così a lungo?)

Loro hanno i loro file contabili che attestano che ho rispedito indietro tutti gli altri volumi, ma che comunque vantano un qualche credito nei miei confronti. Come mi difendo?

Di certo non ho più ricevute postali o bollettini, ma loro non hanno neanche una mia firma. Possono davvero obbligarmi a spendere un pozzo di soldi per un debito che reclamavano di meno di 20 euro ma che io sono convinta non dovevo?

Con il senno di poi, avrei dovuto pagarli a mò di tangente per evitare guai peggiori?

Perchè così basterebbe reclamare un qualunque pagamento di beni a distanza di 8-9 anni per incassare del denaro…ai più sarebbe difficile dimostrare di non dovere quei pagamenti, e se la giustizia costa più della prevaricazione, allora si farebbe prima a pagare. Davvero triste.

La questione è molto semplice:

  1. la competenza è del Giudice di Pace di residenza del consumatore (a meno che lei non sia una società o una ditta individuale) quindi è sufficiente costituirsi in giudizio davanti al giudice di pace di Milano eccependo l'incompetenza e tutto verrà spostato a Catania dove avrà più facilità a farsi assistere;
  2. sul contratto la questione è più delicata perché il fatto di aver pagato è un elemento a suo sfavore mentre la totale inesistenza di un contratto firmato da lei uno a suo favore.

11 novembre 2011 · Carla Benvenuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fermo amministrativo sul veicolo di proprietà del debitore – Se già iscritto si potrà ottenere la sospensione del provvedimento chiedendo la rateazione del debito e pagando la prima rata
Equitalia, ricevuta la richiesta di rateazione, può iscrivere ipoteca sull'immobile di proprietà del debitore o disporre il fermo amministrativo sul suo veicolo, solo nel caso di mancato accoglimento della richiesta, ovvero di decadenza dal beneficio della rateazione che si verifica se non pagano 5 rate anche non consecutive. Tuttavia, prosegue ...
Rata del mutuo pagata in ritardo - non sono dovuti interessi di mora sugli interessi corrispettivi
Nei mutui ad ammortamento, compresi quelli fondiari, la formazione delle rate di rimborso, nella misura composita predeterminata di capitale ed interessi, attiene alle mere modalità di adempimento di due obbligazioni poste a carico del mutuatario, aventi ad oggetto l'una la restituzione della somma ricevuta in prestito e l'altra la corresponsione ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Mutuo a tasso variabile e rata protetta
Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile e rata protetta consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...
Debito di valore e debito di valuta
Il debito è di valuta se l'oggetto della prestazione è una somma di denaro determinata o determinabile mediante una mera operazione aritmetica; ed è di valore se, per contro, non ha ad oggetto una somma liquida o agevolmente liquidabile, perché per individuare l'obbligazione che il debitore deve adempiere è necessaria ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca