Estinguere o no un conto corrente bancario di persone decedute?

Siamo due fratelli, i nostri genitori sono morti a pochi mesi l'uno dall'altro. I pochi soldi rimasti sul conto cointestato dopo le lunghe e costose cure sono serviti per i funerali. Non c'era nessuna eredità, e non ci siamo curati di un conto ormai azzerato. La banca continua a mandarci estratti conto sempre più in rosso. Molte persone ci hanno detto di non curarcene, e noi non possiamo affrontare la spesa di un notaio per fare rinunce a un'eredità inesistente.

Per di più, è morto anche il terzo fratello, quindi siamo rimasti in due più i suoi tre figli. Con questa situazione tutto abbiamo meno che soldi da spendere tra notai e banche. Che cosa possono farci ormai?

Sul conto non ci sono né pensione né debiti o crediti di altro genere: nulla, solo gli interessi della banca. So che la delega che aveva mio fratello si è estinta con la morte dei genitori, ma adesso che cos'altro può succedere?

Grazie mille a chi vorrà darci una risposta

Chiudere il conto corrente vuol dire accettare tacitamente l'eredità ed accollarsi i conti in rosso dei genitori scomparsi. Bisogna allora rinunciare espressamente all'eredità.

I termini per la presentazione dell'istanza di rinuncia sono:

  1. se si è in possesso di beni ereditari: tre mesi dal decesso;
  2. se non si è in possesso dei beni ereditari: fino alla prescrizione del diritto (10 anni).

La rinuncia può essere redatta presso la cancelleria del Tribunale Ordinario del circondario in cui si è si è verificato il decesso. Non è strettamente necessario, quindi, pagare la parcella al notaio.

La domanda per rinuncia all'eredità può essere fatta in modo unico per tutti gradi di parentela, a patto che tutti i rinunzianti si presentino personalmente.

I documenti da portare in Tribunale sono: certificato di morte in carta semplice del de cuius e degli eventuali chiamati all'eredità deceduti, documento d'identità valido e codice fiscale del defunto e dei rinunzianti.

Si tratta solo di perdere un pò di tempo e pagare qualche marca da bollo per i diritti di cancelleria.

14 giugno 2015 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Miserie umane ed eredità - spese del funerale e crediti alimentari
Padre, madre e fratelli coltelli. Muoiono i genitori, uno dei fratelli paga i funerali, poi si rivolge al tribunale per ottenere dall'altro la metà delle spese sostenute. Secondo il ricorrente, infatti, è pacifico che le spese funerarie siano da ricomprendersi fra i pesi ereditari e, pertanto, il coerede che le ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...
Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate ...
Pignoramento del conto corrente bancario o postale sul quale vengono accreditati stipendi e pensioni del debitore - Esempi pratici
Per quanto attiene i crediti di natura esattoriale (in pratica quelli vantati dalla Pubblica Amministrazione per la quale agisce Equitalia o un Concessionario locale della riscossione) il pignoramento del conto corrente del debitore può essere effettuato sulle somme depositate, ma senza includere l'ultimo stipendio o pensione che deve restare sempre ...
Annullato dal Tribunale il pignoramento del conto corrente invece del quinto della pensione
Accade a Pesaro dove un pensionato ha subito il pignoramento da Equitalia dell'intero conto corrente, invece della sola quota mensile prevista dalla legge. Con i conseguenti prevedibili disagi: nessuna risorsa per mangiare e pagare le bollette. I debiti del pensionato erano riconducibili a versamenti contributivi non effettuati all'INPS nel corso ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca