Reddito di cittadinanza – eredità e lavoro acquisiti in corso di fruizione del beneficio


Percepisco il reddito di cittadinanza, mia nonna è morta l’anno scorso, ma la successione, mi è stato comunicato, che verrà fatta solo questo mese, ai fini di una vendita che sarà conclusa ad Ottobre.

Io vivo sola, quindi il mio nucleo familiare si chiude con me (il mio Isee era di circa 800 euro€), sono disoccupata e sono in affitto, pago 500 euro al mese e sono in arretrato di un anno di affitto.

La vendita sarà fatta in Ottobre e secondo i conti fatti, dovrei guadagnarci circa 7 o 8 mila euro (in totale), che saranno messi sul mio conto, da cui dovrò poi detrarre delle spese, in più l’affitto arretrato non ancora pagato e dei debiti di soldi che mi son stati prestati da amici durante quest’anno.

Io devo segnalare questa eredità dopo la successione o devo segnalare la vendita o entrambe? Devo segnalare cosa mi restas ul conto?
C’è il rischio che perda il RdC per quei 7 o 8 mila ero?

Mi sono iscritta ad un Network grazie al quale posso acquistare dei prodotti. Alcuni lo definiscono “Lavoro Occasionale” ma io se acquisterò sarà solo a titolo personale. Al momento non ci guadagno nulla. Devo segnalarlo anche se non ho alcun introito (e non ci guadagno niente) o devo segnalarlo solo quando mi occuperò di vendere agli altri e quindi ci guadagnerò qualcosa?

Sono in attesa che mi chiamino per un lavoro che mi farà guadagnare tra le 800 e i 1000 euro al mese. Logicamente se guadagnerò grazie ad un lavoro non necessiterò più del RdC. Il reddito mi decadrà in automatico (dato che il datore di lavoro vorrebbe usufruire del bonus) o devo comunicare (dopo l’assunzione, logicamente) che non ne avrò più bisogno indicando che ho trovato lavoro? Come funziona?

Per quanto attiene l’eredità di sua nonna, nell’ipotesi si tratti di un immobile, entro 15 giorni dall’acquisto della proprietà, va comunicata all’INPS ogni variazione del patrimonio immobiliare che comporti la perdita dei requisiti economici (30 mila euro in base al valore ai fini IMU). In particolare, dovrà essere comunicata ogni variazione relativa al patrimonio immobiliare intervenuta rispetto a quanto è presente nell’attestazione ISEE in corso di validità, che comporti il venir meno dei requisiti di legge.

Ad esempio, per il patrimonio immobiliare la perdita del requisito si verifica al superamento della soglia pari a 30.000 euro, senza considerare la casa di abitazione. Pertanto, andrà comunicato l’acquisto di proprietà che comportino il superamento della predetta soglia.

Allo scopo va utilizzato il modello RdC/PdC – Com Esteso.

Analogamente vanno comunicate all’INPS variazioni della situazione lavorativa nelle forme di avvio di un’attività di lavoro dipendente, autonomo e di impresa individuale o di partecipazione, intervenute in corso di fruizione del RdC/PdC. Occorre comunicare il reddito previsto per l’anno solare di avvio dell’attività. Nel solo caso di attività autonome o d’impresa la comunicazione concerne l’avvio dell’attività di lavoro e dovrà essere rinnovata trimestralmente entro il 15° giorno successivo al termine di ciascun trimestre solare, con l’indicazione del reddito percepito nel trimestre. Così, ad esempio, entro il giorno 15 del mese di aprile, dovrà essere effettuata la comunicazione relativa al 1° trimestre (gennaio-marzo), entro il 15 luglio, devono essere trasmesse le comunicazioni relative al 2° trimestre (aprile-giugno), ecc., con l’indicazione del reddito percepito nel trimestre.

Le altre variazioni (patrimonio mobiliare, saldo di conto corrente, o giacenza media, al 31 dicembre 2019) verranno rilevate con la presentazione della nuova DSU/ISEE nel gennaio 2020.

7 Luglio 2019 · Genny Manfredi



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Reddito di cittadinanza – eredità e lavoro acquisiti in corso di fruizione del beneficio