Ereditare immobile dopo pignoramento

Sono un ex consigliere di amministratore di una società srl che è fallita dopo più di due anni dalle mie dimissioni. Il curatore fallimentare ha ritenuto di svolgere azione di responsabilità anche nei miei confronti. Dispongo di un immobile di mia proprietà per 1/4 e di proprietà per 3/4 di mia madre, la quale ha il diritto di abitazione, derivato dalla decesso di mio padre.

In caso di pignoramento mi risulta che l'immobile possa essere messo all'asta, ma gravato dal diritto di abitazione. Se mia madre fa testamento pubblico lasciando a me il diritto di abitazione e a un suo fratello la nuda proprietà, se per caso lascia questa valle di lacrime dopo l'eventuale pignoramento, avrò ancora la possibilità di opporre il diritto di abitazione ereditato o la cosa risulterà inutile dato che l'avrò acquisito dopo il pignoramento.

Il pignoramento, mi sembra di capire, dovrebbe riguardare solo la quota di 1/4 di proprietà del debitore e non quella afferente la madre del debitore.

Se ciò è vero, la madre può lasciare al figlio debitore il diritto di abitazione (per i 3/4 dell'immobile) e al figlio non debitore la proprietà della quota di immobile (3/4) a lei riconducibile, anche con pignoramento in corso della residua quota di un quarto.

In questo modo, le uniche problematiche deriverebbero dalla violazione del diritto alla quota di legittima nei confronti del figlio debitore.

Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti del fratello ogni azione di riduzione per lesione della quota di legittima.

Il creditore, in genere, potrebbe chiedere al giudice revocatoria della rinuncia del debitore ad esercitare azione di riduzione per lesione della propria quota di legittima.

Ma, e qui casca l'asino ... l'azione revocatoria nella fattispecie evocata non è proponibile da parte del creditore. Per conoscere il perchè, la rimando alla lettura di questo articolo.

Dunque, al creditore resterebbe l'alternativa di procedere all'espropriazione di un quarto dell'immobile, collocandolo sul mercato tramite vendita all'asta: molto remota l'ipotesi di trovare un acquirente.

Oppure il creditore potrebbe chiedere al giudice di espropriare l'intero, ledendo il diritto di proprietà e quello di abitazione sui 3/4 del bene, laddove sarebbe pure necessario procedere alla valutazione del diritto di abitazione parziale (cosa non immediata). Un bel ginepraio in cui districarsi per il giudice e per gli avvocati.

15 febbraio 2015 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

debiti ed eredita
eredità e successione
riduzione e collazione eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento ed espropriazione di un immobile su cui grava diritto di abitazione
Il diritto di abitazione può essere conseguito: mortis causa (ex articolo 540 del codice civile) dal coniuge superstite; con provvedimento di assegnazione della casa coniugale, nelle situazioni di crisi del rapporto coniugale; per contratto, soggetto a trascrizione (ex articolo 2643, comma primo numero 4, del codice civile). Pignoramento ed espropriazione ...
Espropriazione della casa e diritto di abitazione
Il codice civile stabilisce che il diritto di abitazione non può essere ceduto, concesso in locazione, né ipotecato e, dunque, non può essere oggetto di sequestro o di pignoramento: in pratica, il creditore di chi detiene il diritto di abitazione non può sottoporre ad espropriazione forzata il diritto di abitazione ...
Fallimento del costruttore e casa venduta all'asta » Diritto di prelazione esteso al coniuge dell'acquirente
Immobile di famiglia in vendita all'asta: il piano casa supera la limitazione della legge del 2005 stabilendo la prelazione anche del coniuge. Acquisto di un immobile su carta: firma del contratto preliminare e anticipo delle somme al costruttore. Qualora l'alloggio, per il quale quindi non è stato ancora sottoscritto il ...
Pignoramento di un immobile inserito in un fondo patrimoniale » Rientrano fra i bisogni della famiglia le bollette condominiali
Può essere disposto il pignoramento per una casa, inserita in un fondo patrimoniale, a causa di debiti contratti per oneri condominiali non corrisposti. Sono soggetti a esecuzione forzata i beni del fondo patrimoniale in caso di debiti contratti per i bisogni della famiglia tra i quali rientra il mancato pagamento ...
Dopo il pignoramento – evitare asta della casa
La proprietà dell'immobile si perde dopo la sentenza di esproprio, che è successiva all'aggiudicazione dell'asta (che non necessariamente sarà al primo incanto). Fino a quel momento la casa è ancora del debitore che può benissimo venderla, fatti salvi gli effetti dei vincoli gravanti. Si sono inserite nel mercato, partendo da ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca