Eredità e testamento - A chi spetta l'onere delle spese funebri?

In questi giorni è morta mia nonna, novantenne, ed i due figli (mio padre ed il fratello) litigano per decidere chi si deve sobbarcare le spese funebri: a quanto ho capito le spese vanno suddivise tra gli eredi in proporzione alle rispettive quote ricevute, salvo diversa disposizione testamentaria.

Il problema sorge dal fatto che mia nonna ha vissuto, negli ultimi anni, presso la famiglia di mio zio, delegandoli alla gestione dei propri beni bancari, anche perchè sempre più incapace di intendere e volere a causa dell'Alzheimer.

Nel contempo, pare che avesse scritto un testamento ribadendo la volontà di lasciare tutto al figlio che la accudiva (mio zio).

Solo che lo stesso pare abbia completamente prosciugato i beni monetari della nonna, avendone facoltà grazie alla delega.

In sostanza, al momento attuale risulta che il patrimonio della nonna è pari a zero, ma c'è un testamento che dice che il suo patrimonio di 30.000 euro va tutto al figlio che l'ha accudita.

In questo caso fa fede il testamento, quindi le spese funebri sono tutte a carico dello zio, oppure è da ritenersi invalidato a causa del fatto che il patrimonio si è nel frattempo azzerato, e devono pagare entrambi i figli al 50% ?

Secondo giurisprudenza consolidata, per quanto riguarda il pagamento dei debiti e pesi ereditari le spese per onoranze funebri rientrano tra i pesi ereditari: dunque, le spese funebri sono a carico degli eredi in quanto spese gravanti sulla massa ereditaria.

Venendo al suo caso concreto, il testamento non è valido e non lo sarebbe stato comunque, anche se sul conto corrente fossero stati rinvenuti i 30.000 euro.

Infatti, in assenza di coniuge superstite ed in presenza di due figli superstiti, a ciascun figlio va 1/3 della massa ereditaria, mentre la quota disponibile è di 1/3.

In pratica con 30.000 euro di liquidità in conto corrente, la nonna doveva lasciare (quote di legittima) 10.000 euro a ciascuno figlio, mentre poteva disporre liberamente di 10.000 euro, destinandoli a chi più le pareva.

Pertanto, in assenza di prove concrete di donazioni indirette (il conto prosciugato dallo zio) e non essendoci patrimonio da spartire fra gli eredi, le spese vanno ripartite in parti uguali fra i due fratelli.

Qualora uno degli eredi, (lei o suo fratello) anticipi il pagamento delle spese funerarie, ha diritto al rimborso della metà dall'altro erede, sempre che non si tratti di spese eccessive, sostenute contro la propria volontà (cassazione sentenza 1994/16).

20 ottobre 2017 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ripartizione spese funerarie

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Al pagamento delle spese funebri del defunto sono obbligati gli eredi - Chi anticipa l'importo ha diritto al rimborso
Per quanto riguarda il pagamento dei debiti e pesi ereditari (Cassazione sentenza 1994/2016) le spese per onoranze funebri rientrano tra i pesi ereditari, con la conseguenza che, colui che ha anticipato tali spese ha diritto ad ottenerne il rimborso da parte degli eredi, sempre che non si tratti di spese ...
Chi paga le spese funebri? » Eredi o coniuge legatario?
Quando si litiga anche per le spese del funerale: chi paga le spese funebri per la sepoltura del de cuius? Il Tribunale di Ragusa, richiamando giurisprudenza di Cassazione, con la sentenza del 7 giugno 2013, afferma: il rimborso delle spese funerarie per la sepoltura della moglie può essere preteso dal ...
Testamento e successione » Quale erede subentra al deceduto?
L'individuazione dei soggetti che subentrano al defunto dipende dalle volontà del soggetto deceduto e, come noto, le ultime volontà vengono fissate in un atto che si chiama testamento. All'interno dell'articolo scopriremo il testamento nel dettaglio e chiariremo le differenze tra successione testamentaria, legittima e necessaria. La successione è un procedimento ...
Il creditore non può sostituirsi al debitore, che ha ereditato per testamento il diritto di abitazione, per rivendicare la lesione della quota di legittima
Tanto per semplificare le idee, supponiamo che il de cuius non abbia fatto testamento ed abbia lasciato in eredità ai suoi due figli un immobile ciascuno, di uguale valore commerciale. Supponiamo che dei due figli uno sia debitore e rinunci all'eredità. Il creditore del figlio debitore, in base all'articolo 524 ...
Testamento olografo - E' nullo se manca la data
Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto dal testatore; la data deve contenere l'indicazione del giorno, mese e anno: la mancanza della data nel testamento olografo è causa di annullabilità dello stesso. Secondo giurisprudenza consolidata, in tema di validità del testamento olografo, la completa indicazione della ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca