Eredità in caso di figli di coniugi avuti prima del matrimonio

Argomenti correlati:

Avrei una situazione alquanto complicata da esporre: i miei genitori sono divorziati, mio padre si è risposato con una signora a sua volta divorziata e con figli dal primo matrimonio (non vi sono figli in comune). La nuova moglie di mio padre ha ereditato un appartamento dai genitori. Anche se la parte dei fratelli di lei è stata acquisita con i soldi che mio padre ha ereditato dai miei nonni, l’immobile è stato interamente intestato alla nuova moglie. Mio padre è convinto che io sia comunque tutelata in quanto, anche se l’appartamento non è intestato a lui, essendo sposati non cambia nulla. Io invece sono convinta che non sia così. Come funziona esattamente la suddivisione in questi casi?

Lei concorre in successione con il coniuge superstite di suo padre (nell’ipotesi che suo padre muoia prima dell’attuale moglie): metà dei beni intestati a suo padre vanno alla moglie, l’altra metà vanno a lei figlia del defunto.

Ricordiamo che i figli ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente (articolo 737 del codice civile)

Lei, in sede di domanda giudiziale di divisione dell’eredità (Cassazione 15131/2005), può ottenere che si proceda a collazione, nel qual caso la divisione vterrà conto della donazione effettuata in vita dal de cuius alla moglie attuale (sempreché lei, figlia del de cuius, riesca a dimostrare che suo padre versò al coniuge i soldi ereditati dai propri genitori, soldi che vennero utilizzati per rilevare le ulteriori quote dell’immobile ereditato dalla matrigna (donazione indiretta).

Nel caso di premorienza della matrigna, suo padre concorrerà in successione con i figli della moglie. Lei sarà esclusa dalla divisione dell’eredità lasciata dalla sua matrigna.

Le cose potrebbero andare diversamente (cioè, secondo le convinzioni di suo padre) solo se lei venisse adottata dalla matrigna.

14 Maggio 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti ed eredità - Accettazione con beneficio di inventario o rinuncia a favore dei figli
Ho ereditato un'immobile alla morte di mio padre che sto cercando di vendere: un mio creditore, tramite giudice, mi ha intimato di decidere l'accettazione o meno dell'eredità entro un mese. Posso rifiutare l'eredità a favore dei miei figli? In tal caso, l'immobile può essere ancora aggredito? Oppure se io, accettando l'eredità, trovassi un acquirente sarebbe perseguito a sua volta? E se vendessero i miei figli? Mi auguro di essere stata chiara e comunque in sintesi: fino a che livello un immobile può essere aggredito? ...

Coniugi legalmente separati - Intervento dei creditori nel caso di eredità e di indebitamento del coniuge superstite
Ho un debito importante nei confronti dell'Agenzia delle Entrate e una banca: sono nullatenente e titolare di una pensione di Euro mille e 400, di cui 700 Euro dovuti al coniuge separato come assegno di separazione legale. Attualmente non vi è nessuna procedura esecutiva nei miei confronti. Qualora dovesse mancare la mia ex moglie, avrei diritto ad una quota della sua eredità (casa di proprietà), insieme ai nostri 2 figli (presumo 1/3 a testa). La mia intenzione sarebbe di rinunciare all'eredità, tuttavia i creditori avrebbero diritto ad impugnare la rinuncia. Vorrei evitare tale situazione, pertanto sto valutando ogni ipotesi che ...

Eredità dei genitori - Testamento e quota disponibile al de cuius
Siamo 3 fratelli e i miei genitori anziani alla loro morte vorrebbero lasciare il loro patrimonio solamente a 2 fratelli, perchè uno li ha abbandonati completamente: i miei genitori possiedono un appartamento intestato a tutti e due, un altro intestato a parti uguali di ogni fratello, e un conto corrente con su 350.000 euro. Ho spiegato a i miei genitori che ad il figlio che odiano gli spetta la quota legittima del patrimonio, chiedo esiste un modo per fargli avere il meno possibile? ...

Dove mi trovo?