Eredità e debiti esattoriali - Galeotta fu la voltura catastale

Come posso conoscere l'eventuale situazione debitoria di mia madre (ex commerciante), deceduta nel 2010, nei confronti di Equitalia.

Io e mia sorella abbiamo ereditato beni immobili, abbiamo fatto la successione e le volture catastali ma non ancora l'accettazione dell'eredità .

Qualora esistesse un debito dovremmo rispondere, io e mia sorella, solo di questo oppure delle sanzioni?

La giurisprudenza di legittimità (la Corte di cassazione, in parole povere) tende ad escludere che valgano come accettazione tacita dell'eredità la dichiarazione di successione ed il pagamento della relativa imposta, trattandosi di adempimenti con finalità fiscali.

Tuttavia, giurisprudenza consolidata riconosce univocamente alla voltura catastale, a differenza che alla dichiarazione di successione, la valenza di atto di accettazione tacita dell'eredità , in quanto avente rilevanza, non solo fiscale, ma anche civile (una fra tante, sentenza 11638/14).

Possiamo allora dire che lei e sua sorella siete eredi di vostra made defunta. In qualità di eredi può essere utilizzato il servizio "Estratto Conto" per accedere, attraverso il sito Equitalia, alla consultazione della posizione debitoria della defunta genitrice maturata nei confronti della Pubblica Amministrazione.

15 giugno 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...
Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore
Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva. Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca