Eredità, Debiti e Garanzia debiti altrui - parte terza

Tornando alla questione qui affrontata, avrei altre domande.

Il prestito in atto è intestato al padre morto e garantito dalla madre. La madre è morta 1 mese prima del padre.

Con questa condizione la mia ragazza risulterebbe essere sia debitrice che garante di se stessa. In questa condizione non decade la garanzia? e si risulta essere solo dei debitori?

Che costi si hanno in media per fare un inventario da un notaio avendo fatto la richiesta di "accettazione con beneficio" direttamente in tribunale?

Difficile anticipare l'entità di una parcella notarile relativa ad una atto di accettazione con beneficio di inventario. Il costo della pratica notarile comprende sia gli onorari e i compensi per l'attività professionale del notaio, sia l'ammontare delle imposte e delle tasse dovute. Nel caso specifico è anche rapportata al valore dell'inventario. In talune circostanze, la stessa attività di formazione e valorizzazione dell'inventario potrebbe richiedere il ricorso ad un perito per la stima dei beni ereditati.

Quello che è possibile fare, tuttavia, è indicare, nell'istanza da presentare in Tribunale, un notaio di propria fiducia con il quale raggiungere preventivamente un accordo di massima sui costi da affrontare.

Per quanto attiene la "decadenza della garanzia", a cui si lei si riferisce nella prima parte della domanda, non ho ben afferrato il risvolto pratico a cui potrebbe condurre la distinzione fra debitore e garante.

Di questo mi scuso e, per questo, mi limito solo ad affermare, in generale, che:

  1. la garanzia viene prestata rispetto ad una obbligazione e non nei confronti di un soggetto fisico o giuridico;
  2. i chiamati che accettano, ereditano sia i debiti che le garanzie;
  3. il debitore principale (con i propri eredi) e il garante (con i propri eredi) si distinguono, rispetto alle conseguenze di inadempienza, solo se nel contratto da cui l'obbligazione ha origine è previsto il cosiddetto beneficio di escussione; ovvero l'obbligo per il creditore di escutere prima il debitore principale e poi il garante (che è, appunto, il debitore secondario, ma pur sempre un debitore).

14 marzo 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accetta l'eredità con beneficio d'inventario per sfuggire al fermo amministrativo » Non basta
Fermo amministrativo: l'erede è responsabile anche se ha accettato con beneficio di inventario se il "de cuius" non ha pagato l'assicurazione dell'auto. L'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio di inventario, pur conservando una responsabilità limitata per i debiti e le passività ereditarie, subentra comunque nella titolarità dei beni e ...
Nessuna azione esecutiva promossa dai creditori del defunto è possibile contro chi accetta l'eredità con beneficio di inventario
Una volta trascritta l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario non è più possibile l'esecuzione individuale contro chi ha accettato con beneficio di inventario e sui suoi beni. Tanto alla luce del condiviso principio, affermato dalla giurisprudenza di legittimità, secondo cui l'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio di inventario non ...
Azione revocatoria di compravendita immobiliare - Un caso di riconosciuta consapevolezza del pregiudizio arrecato al creditore da parte del terzo acquirente
La giurisprudenza di legittimità ha da tempo affermato che la prova del requisito della consapevolezza, da parte del terzo acquirente, del pregiudizio arrecato agli interessi del creditore, prevista quale condizione dell'azione revocatoria, può essere data con ogni mezzo e, quindi, anche con presunzioni. Nel caso specifico era stato accertato che ...
Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca