Eredità con beneficio di inventario: Il dissequestro di un autoveicolo.

Poco tempo fa è defunto mio padre, lasciandomi un eredità gravata da dei debiti verso Equitalia. Ho quindi deciso di accettare l'eredità con il beneficio di inventario.

Mi sono rivolto ad un notaio e sto aprendo la successione.

Poco prima che mio padre morisse gli è stato rubato un autoveicolo ritrovato poi dai Carabinieri e consegnato al deposito giudiziario.

La mia domanda è questa: procedere al dissequestro in qualità di avente diritto ([...]come disposto dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia con Decreto su "Restituzione di cose sequestrate", avente numero 930/2012 RGNR) e procedere alla rottamazione del veicolo senza che mai esca dal deposito giudiziario , costituisce accettazione tacita?

Al suo posto ci starei attento: l'accettazione tacita dell'eredità interviene quando la persona chiamata all'eredità compie un atto che implica necessariamente la volontà di accettare l'eredità, e che egli non potrebbe compiere se non nella qualità di erede.

L'esempio più evidente è la vendita di un bene ereditario, o comunque il compimento di un atto dispositivo su di esso. Solo l'erede, infatti, essendo divenuto proprietario dei beni che erano del defunto, è legittimato a venderli.

Il codice civile stabilisce dunque che la vendita di un bene compreso nell'eredità equivale a esprimere tacitamente l'intenzione di accettare, e quindi di essere erede.

La Corte di Cassazione ha affermato che comporta accettazione dell'eredità anche la semplice richiesta della voltura catastale relativa ai beni immobili compresi nell'eredità (sentenza 29 marzo
2005, n. 6574).

Piuttosto, per evitare problemi, concorderei con il proprietario del deposito in convenzione "giudiziaria" un'azione finalizzata ad esercitare il diritto di ritenzione (art. 2756 del codice civile) nei confronti dei futuri eredi (se ve ne saranno).

Ovviamente dopo avergli corrisposto spese e "margine operativo".

14 marzo 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Nessuna azione esecutiva promossa dai creditori del defunto è possibile contro chi accetta l'eredità con beneficio di inventario
Una volta trascritta l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario non è più possibile l'esecuzione individuale contro chi ha accettato con beneficio di inventario e sui suoi beni. Tanto alla luce del condiviso principio, affermato dalla giurisprudenza di legittimità, secondo cui l'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio di inventario non ...
Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui ...
Rinuncia eredità con beneficio di inventario - i creditori possono chiedere di abbreviare il termine decennale per l'accettazione
A tutela dei creditori del de cuius e a tutela dei creditori nei confronti del chiamato all'eredità che accetta con beneficio di inventario, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace, il cui scopo è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile può ...
Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore
Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva. Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca