Eredità e diritto di prelazione

Argomenti correlati:

Anni fa mio padre con mia madre davanti al notaio fecero una donazione della casa dove abitavano a me e a mio fratello, quota metà a testa, quest’ultimo nell’atto c’è scritto, che a sua volta ha ceduto un quarto di questa a mia sorella, volevo chiedere siccome mio fratello asserisce di avere il diritto di prelazione , vorrebbe acquistarla lui, io non mi trovo d’accordo in quanto vorrebbe comprarla ad un prezzo che si discosta da quelle che sono le quotazioni di mercato , e preferirei venderla tramite agenzia, ( tramite internet ho fatto fare una valutazione approssimativa dell’immobile, e ho pubblicato un annuncio, fissando il prezzo dato dal portale, giusto per fare una prova . ), mio fratello venuto a sapere dell ‘inserzione mi ha intimato , di rimuoverla, quello che chiedo , puo’ intimarmi di togliere l inserzione ? Posso rifiutarmi che l’immobile lo possa comprare lui , se il prezzo a me non sta’ bene? Premetto che non mi è permessa nessuna conversazione ne con lui ne con mia sorella , perche’ da parte di entrambi vengo subito aggredito verbalmente, quindi sono arrivato al punto di avere persino paura a chiedere , quindi vi chiedo in simili circostanze come ci si deve comportare grazie

L’articolo 732 del codice civile stabilisce che il coerede, che vuol alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall’ultima delle notifiche. In mancanza della notifica, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall’acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria.

Nella fattispecie, ci sono donazioni effettuate in vita dal de cuius: e, quindi, in base a quanto disposto dall’articolo 737 del codice civile, i figli del de cuius ed i loro discendenti ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente.

Pertanto, entrano in comunione anche le donazioni ai due fratelli ed il coerede può esercitare il diritto di prelazione sulle quote dell’immobile.

5 Marzo 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità e debiti con Agenzia delle Entrate - Il diritto di abitazione assegnato per testamento all'erede debitore impedisce al creditore di eccepire la lesione della quota di legittima per conto del debitore stesso
Mio fratello ha ingenti debiti con l'Agenzia delle Entrate: alla morte di mio padre riceveremo in eredità la casa di famiglia. Visti i debiti di mio fratello penso che l'Agenzia delle Entrate potrebbe pignorare la sua parte. Come si potrebbe ovviare a ciò? Mio padre potrebbe fare testamento lasciando a me tutto la casa e a mio fratello invece dei terreni che ha per evitare il pignoramento dell'immobile? ...

Fallimento del costruttore e casa venduta all'asta » Diritto di prelazione esteso al coniuge dell'acquirente
Immobile di famiglia in vendita all'asta: il piano casa supera la limitazione della legge del 2005 stabilendo la prelazione anche del coniuge. Acquisto di un immobile su carta: firma del contratto preliminare e anticipo delle somme al costruttore. Qualora l'alloggio, per il quale quindi non è stato ancora sottoscritto il rogito definitivo, a seguito di fallimento del costruttore, venga messo all'asta, l'acquirente, al quale è già stato consegnato, ha diritto alla prelazione, al prezzo di aggiudicazione, se lo ha adibito ad abitazione principale. Prima del Piano Casa, questo diritto era riconosciuto anche ai parenti di primo grado dell'acquirente, ma non ...

Immobile locato - Chi ha diritto a percepire la pigione: il nudo proprietario o l'usufruttuario?
Da una verifica catastale, ho scoperto che (a mia insaputa), mia madre ha donato a mio fratello un immobile adibito ad attività commerciale (negozio) in cui, mia madre e mio fratello risultano rispettivamente usufruttuaria, e proprietario. Questo immobile commerciale é stato affittato a terzi, dai quali percepiscono un affitto mensile di 1200 euro. La mia domanda é la seguente: per legge chi ha diritto a percepire l'affitto mensile mia madre o mio fratello? Ed eventualmente, in una mia futura azione di riduzione giudiziaria patrimoniale ho diritto ad ottenere una parte di queste somme che stanno percependo? ...

Dove mi trovo?