Ho due fratelli ed una sorella - I miei genitori possono lasciare tutto a me?

Io vivo con mio marito e mio figlio a casa dei miei genitori: ho due fratelli e una sorella che hanno una loro abitazione e una loro famiglia. I miei genitori vorrebbero lasciare la loro casa in eredità a me. È possibile?

La risposta è tranquillamente un NO: i suoi genitori non possono lasciare l'intero immobile alla figlia convivente che li accudisce. Se lo facessero, lasciando testamento, il testamento potrebbe essere impugnato da uno degli altri 4 figli per la riduzione delle disposizioni testamentarie che ledono le quote di legittima riservata agli eredi e quella disponibile riservata al defunto.

Nemmeno possono donare in vita l'immobile alla figlia convivente che li accudisce. Se lo facessero, alla morte del genitore proprietario dell'immobile, uno qualsiasi degli altri 4 figli potrebbe procedere giudizialmente per la riduzione delle donazioni effettuate in vita dal defunto e per il ripristino della quota di legittima lesa.

Lei non dice se i suoi genitori sono comproprietari dell'immobile, oppure se uno solo dei due è proprietario esclusivo. Neanche accenna, fatto importante per dettagliare la risposta alla sua domanda, all'eventuale esistenza di altri cespiti o beni che potrebbero rientrare nella massa ereditaria.

Non ci resta allora, giusto per sviluppare il ragionamento sulla base di ipotesi ben determinate, che l'immobile in questione sia l'unico bene posseduto da uno solo dei suoi genitori.

Alla morte del genitore proprietario dell'immobile, ammesso che ci sia un coniuge superstite e nell'ulteriore ipotesi che il proprietario non abbia lasciato testamento, l'immobile verrà ripartito secondo le quote seguenti: 1/3 al coniuge superstite, 1/6 a ciascuno dei 4 figli (o ai loro discendenti in caso di premorienza filiale).

Se non c'è coniuge superstite (premorienza del coniuge non proprietario rispetto a quello proprietario) e, sempre nell'ipotesi di assenza di testamento, l'immobile dovrà essere ripartito in 4 quote di pari entità (1/4).

Alla morte del genitore proprietario dell'immobile, ammesso che ci sia un coniuge superstite e nell'ulteriore ipotesi che il proprietario abbia lasciato testamento, le disposizioni testamentarie non possono derogare dalla seguente ripartizione dell'immobile: 1/4 al coniuge superstite, 1/8 a ciascuno dei 4 figli (o ai loro discendenti in caso di premorienza filiale), 1/4 come quota aggiuntiva premiante lasciata alla figlia convivente che li accudisce o a chi altri desidera il defunto (quota disponibile).

Se non c'è coniuge superstite (premorienza del coniuge non proprietario rispetto a quello proprietario) e, sempre nell'ipotesi di presenza del testamento, l'immobile dovrà essere ripartito in quote di 1/6 a ciascuno dei 4 figli e 1/3 come quota aggiuntiva premiante lasciata alla figlia convivente che li accudisce o a chi altri desidera il defunto (quota disponibile).

18 novembre 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Miserie umane ed eredità - spese del funerale e crediti alimentari
Padre, madre e fratelli coltelli. Muoiono i genitori, uno dei fratelli paga i funerali, poi si rivolge al tribunale per ottenere dall'altro la metà delle spese sostenute. Secondo il ricorrente, infatti, è pacifico che le spese funerarie siano da ricomprendersi fra i pesi ereditari e, pertanto, il coerede che le ...
Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, in quanto sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne ...
La prescrizione per il diritto al mantenimento del figlio decorre dal riconoscimento o dalla dichiarazione di genitorialità
Il codice civile dispone che il figlio ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha, altresì, diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti. L'obbligo ...
La quantificazione dell'assegno di mantenimento non deve essere necessariamente proporzionale al canone dell'immobile che il coniuge separato deve lasciare
È vero che non può assegnarsi la casa coniugale al coniuge, ove manchino figli comuni ovvero questi siano diventati autosufficienti economicamente, e che nel quantificare l'assegno di mantenimento dovuto al coniuge economicamente più debole e privo della casa, va considerato lo svantaggio economico conseguente. Tuttavia, l'ammontare dell'assegno, non deve essere, ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca