Erede che non rinuncia all’eredità ma non firma i documenti per accettarla

Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Ho ereditato e accettato pro quota (siamo 9 eredi) l’eredità di mia zia paterna un appartamento e un conto in banca, insieme a me altri 8 tra cugini e fratelli hanno accettato l’eredità.

Ora uno degli eredi non completa gli atti necessari (firma in banca per il ritiro della propria quota di eredità del conto corrente e non invia la delega a vendere per l’appartamento).

Questo comporta che sul conto corrente si accumuleranno le spese bancarie su un conto dormiente.

e per l’appartamento dovremo pagare la nostra quota di IMU senza poter usufruire dell’appartamento stesso: come possiamo obbligare l’erede recalcitrante a espletare quanto da lui dovuto? Saremo costretti a rivolgerci a un giudice?

Se non avete la possibilità di eliminare fisicamente il congiunto oppure non conoscete uomini cosiddetti d’onore che possano costringere con le minacce il renitente a completare gli atti necessari, non vi resta che affidarvi ad un avvocato al quale, solo perchè vi ascolti, sarà necessario corrispondere un congruo anticipo sulla parcella.

5 Agosto 2020 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Erede di un erede che ha accettato con beneficio di inventario
Dieci anni fa mio padre è deceduto nominando tramite testamento olografo mia madre come unico erede (per tutelare me e mio fratello dall'eredità di debiti contratti con equitalia). Mia madre, sempre al fine di tutelare me e mio fratello dall'eredità di tali debiti, ha accettato con beneficio di inventario e provveduto alla relativa pubblicazione. Dall'inventario, è risultato che i debiti di mio padre superavano di gran lunga i suoi beni. Avendo accettato con beneficio di inventario, mia madre non è mai stata tenuta a rispondere di tali debiti con il proprio patrimonio. Possiamo ritenere conclusa la responsabilità assunta da mia ...

Eredità e debiti - rinuncia con beneficio di inventario e altre azioni esecutive nei confronti del debitore erede
A seguito della risposta precedente: come fa la banca a intraprendere una riscossione coattiva dell'eredità spettante al debitore? Come viene informato il creditore dell'eredità del debitore? E, nel caso intervenisse un decreto ingiuntivo presso terzi (il datore di lavoro) per il pignoramento di un quinto dello stipendio, il creditore potrebbe ancora rifarsi sull'eredità o sul fondo pensione versato al fondo di previdenza complementare? Mi spiego meglio: Ho un debito di 60 mila euro con la banca. Il tribunale decide che devo pagare ogni mese 300 euro. Il che significherebbe 3600 euro all'anno e 36 mila euro dopo 10 anni; supponiamo ...

Debiti del defunto e pesi ereditari pagati da un solo erede - Quando interviene la prescrizione del diritto di richiedere il rimborso della quota spettante ai coeredi?
Mio padre è deceduto in maggio 2013: siamo in TRE eredi e da quel momento (maggio 2013) ho sostenuto e anticipato tutte le spese dividendo il pagamento tra me e un erede (50% + 50%), in quanto il TERZO erede, a tutt’oggi dopo 5 anni, non si è più fatto vedere e non vuole pagare nessun debito. Qui di seguito le spese sostenute: - Spese x dichiarazione redditi e relative tasse in sospeso (F24), - Spese x il notaio - Spese x bollette - Spese bancarie - Spese raccomandate x disdette contratti bollette e altro - Spese condominiali x l'appartamento ...