Equitalia pignoramento in azienda o a casa - Possibile reiterazione delle azioni esecutive?

Sono un piccolo imprenditore: a causa del fallimento nello stesso anno di alcuni miei grossi creditori, ho saltato il pagamento IVA e nel giro di qualche anno mi sono trovato un debito con interessi di 90.000 euro.

Equitalia è passata in azienda: verbale pignoramento dei beni aziendali, verbale pignoramento beni di casa (anche se nulla è a nome mio, ma sappiamo che per la legge non conta). Azienda Chiusa. Adesso sono in attesa che venga effettuata l'asta giudiziaria (che sarà in ritardo per via delle vicende di Equitalia di questi mesi).

Ho chiesto all'agente Equitalia se una volta eseguito il pignoramento dei beni, potrò considerarmi tranquillo o se anche l'anno prossimo e quelli a venire mi avrebbero potuto contattare per una nuova verifica e conseguente elenco per pubblico incanto: mi rispose che non sarebbe finita e che anche gli altri anni mi avrebbero potuto contattare per sequestrare beni "nuovi" che quest'anno non c'erano. Non possiedo nulla a nome mio, abito in un modesto appartamento intestato a mia moglie (e da lei acquistato), con mobili modesti.

Possono davvero reiterare le visite e i sequestri ogni anno (visto che da ogni asta non ricaveranno neanche €1000) e sequestrare nuovamente la (nuova) TV, il (nuovo) divano, i (nuovi) mobili del salotto che rispetto all'anno prima sono stati poi ricomprati? Come posso tutelare la mia famiglia?

Purtroppo, quanto le ha riferito il funzionario di Equitalia corrisponde al vero: una qualsiasi azione esecutiva condotta nei confronti del debitore non estingue l'obbligazione a cui questi è tenuto ad adempiere.

Nel caso specifico, i pignoramenti avranno termine quando lo Stato avrà riscosso il credito IVA (naturalmente gravato da sanzioni per l'omesso pagamento, interessi e spese legali sostenute per avviare e portare a termine le azioni esecutive intraprese) oppure quando l'agente della riscossione (prima Equitalia, adesso Agenzia delle entrate-riscossione) riterrà non esserci più trippa per gatti, cioè che il debitore non ha più nulla di pignorabile ed una qualsiasi azione esecutiva risulterebbe infruttuosa.

Ma, attenzione sempre ai conti correnti intestati o cointestati al debitore e/o ai crediti che il debitore stesso vanta nei confronti di terzi. Nonché ai veicoli posseduti, che potrebbero essere sottoposti a fermo amministrativo.

Per quanto riguarda il pignoramento presso la residenza o il domicilio del debitore va detto che Equitalia vi ricorreva solo quando riteneva realistica la possibilità di pignorare beni di valore (oggetti di antiquariato, arredi di pregio, opere d'autore). Non è dato sapere quale sarà l'orientamento che in tal senso assumerà il nuovo soggetto Agenzia delle entrate-riscossione.

Per evitare i possibili danni derivanti da un eventuale pignoramento presso il domicilio o la residenza del debitore è necessario che i beni pignorabili, presenti laddove il debitore risiede o domicilia siano di proprietà di terzi, di un coniuge in regime di separazione dei beni o di un familiare convivente.

L'ufficiale giudiziario potrà comunque pignorare i beni rinvenuti e portarli via (o lasciarli in custodia al debitore); tuttavia l'effettivo proprietario, qualora sia in grado di dimostrare la proprietà dei beni pignorati (attraverso l'esibizione di scontrini fiscali descrittivi e fatture d'acquisto, documenti di trasporto e consegna, contratto di comodato d'uso sottoscritto con il debitore e registrato all'Agenzia delle entrate) potrà adire il giudice delle esecuzioni (è necessario il supporto tecnico di un avvocato) per ottenerne la liberazione.

21 luglio 2017 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento Aziendale » Possibile solo entro il limite di un quinto
In un'azienda, possono essere sottoposti a pignoramento i beni strumentali, entro un quinto, purché non vi siano altri beni da pignorare. Per i debiti con Equitalia, gli strumenti, gli oggetti e i libri strumentali all'esercizio dell'impresa, professione, arte o mestiere del debitore, anche se costituito in forma di società, possono ...
Equitalia e pignoramento presso la residenza del debitore » Una pratica sempre meno usata
Il pignoramento mobiliare presso la residenza del debitore, è difficilmente utilizzato da equitalia: vediamo i motivi. Coloro che vivono in un immobile in regime di affitto in comodato, e non possiedono altro che non i beni mobili che arredano l'appartamento, hanno poco da temere nei confronti di Equitalia. Ciò, perché, ...
Il pignoramento esattoriale - le procedure esecutive che possono essere attivate da Equitalia
Il sollecito, spedito per posta semplice, è una sorta di promemoria che viene inviato a chi ha un debito fino a 10 mila euro con l'invito a mettersi in regola con i pagamenti. Per i debiti fino a mille euro non si procede alle azioni cautelari ed esecutive prima di ...
Pignoramento di un bene » E' possibile venderlo o donarlo?
Esiste la possibilità di effettuare la vendita o la donazione di un bene già sottoposto a pignoramento? Assolutamente no. Infatti, chiunque sottragga, distrugga, disperda o deteriori un bene già sottoposto, da un ufficiale giudiziario, a pignoramento mobiliare commette un reato. Le conseguenze cui si va incontro sono la reclusione fino ...
Equitalia » Valido il fermo amministrativo e il pignoramento dei contributi pubblici
Equitalia: si al fermo amministrativo e al pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Equitalia può spiccare il fermo amministrativo e il pignoramento semplificato sui contributi pubblici ottenuti dall'azienda debitrice. Ciò perché la speciale procedura non concerne un rapporto fra privati ma fra amministrazione e società. Questo, riassunto brevemente, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca