Agenzia Entrate Riscossione (ex Equitalia) e tassa sulla spazzatura mai notificata - E' prescritta o devo ricorrere alla CTP?

Oggi ho ricevuto per posta ordinaria una lettera dell'agenzia delle entrate con oggetto debiti iscritti a ruolo di ammontare fino a mille euro - comunicazione preliminare all'avvio delle procedure esecutive e cautelari, relativa alla tassa rifiuti dell'anno 2012. Il problema è che io non avevo ricevuto alcunché in precedenza, non avevo firmato nulla.

Adesso vorrei capire se possono effettivamente procedere in questo senso pur non avendo ricevuto nulla nel concreto: inoltre leggevo che quest'imposta cadrebbe in prescrizione, essendo relativa al 2012, a partire dal 01/01/2018 salvo notifiche o altri atti interruttivi, vorrei capire se è vero e cosa si intende per atti interruttivi.

Per i debiti fino a mille euro, la normativa vigente dispone che non si possa procedere alle azioni cautelari ed esecutive prima di 120 giorni dall'invio, mediante posta ordinaria, di una comunicazione contenente il dettaglio del debito.

Ciò, naturalmente, presuppone che le sia stata già correttamente notificata (quindi almeno con raccomandata AR da Equitalia - notifica diretta) una cartella esattoriale. Lei asserisce che non ha alcuna contezza di tale notifica. Molto probabilmente la notifica è stata perfezionata per compiuta giacenza: in pratica, il postino è venuta a casa, non ha trovato nessuno (destinatario temporaneamente irreperibile ed assenza di familiari autorizzati a prendere in consegna l'atto), ha inserito un avviso di giacenza in cassetta postale e ha riportato la cartella esattoriale indietro, all'ufficio preposto a gestire la posta giacente. Se il destinatario non si presenta a ritirare la cartella, la notifica va a buon fine e si considera effettuata decorsi 10 giorni dal tentativo di consegna andato a vuoto.

A questo punto lei eccepirà che non ha mai trovato nulla in cassetta postale ed io le credo. Il postino può non lasciare l'avviso, addirittura può non raggiungere nemmeno l'abitazione del destinatario e buttare via, nel primo cassonetto che incontra lungo il tragitto, la cartella esattoriale. Il destinatario ha disposizione quella che si definisce una contestazione diabolica: dovrebbe agire per querela di falso, dimostrando (come, non si sa) che il postino non gli ha lasciato alcunché. Fino ad allora, fino a quando un giudice non accerta il falso del postino, vale quanto egli scrive nella relata di notifica e cioè che non ha trovato nessuno bla bla bla ... e che ha lasciato l'avviso ... bla bla bla. Purtroppo, funziona così.

E dunque son pronto a scommettere che se lei si recasse presso la sede territorialmente competente (rispetto alla sua zona di residenza) di Agenzia Entrate Riscossione e chiedesse di accedere, com'è suo diritto, agli atti inerenti la notifica del debito a cui ci si riferisce nella comunicazione (avviso) oggi recapitatole, le verrebbe mostrata la relata di notifica della cartella esattoriale confezionata dal postino.

Peraltro con la cartella esattoriale correttamente notificata, un atto cioè che è stato legalmente (si fa per dire) portato a conoscenza del debitore, sono stati interrotti i termini di prescrizione della pretesa relativa alla tassa sui rifiuti solidi urbani. In altre parole, il comune in cui risiede, le ha fatto chiaramente sapere, tramite Agenzia Entrate Riscossione, che lui quei soldi li vuole, non vi ha rinunciato, e lei, debitrice, non potrà eccepire la prescrizione per inerzia del creditore.

Se possiede un veicolo, deve essere consapevole che, scaduti i 120 giorni da oggi, potrebbe essere disposto fermo amministrativo su quel veicolo. Se è titolare di un conto corrente sappia che, decorsi i 120 giorni da oggi, il conto corrente potrebbe essere pignorato da ADE riscossione.

Per dirla tutta, aggiungo che io, essendo un malfidato nei confronti della PA, se potessi mettere in pratica qualcosa per evitare il fermo amministrativo del veicolo e/o l'esproprio del conto corrente, lo farei a partire da domani.

2 novembre 2017 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale o ingiunzione fiscale per TARSU TARI o TIA
notifica cartella esattoriale
notifica per compiuta giacenza
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e ...
Equitalia » Prescritta la cartella esattoriale originata da multa se prima di iscrivere il fermo passano cinque anni senza atti interruttivi
E' da ritenersi prescritta la cartella esattoriale, notificata al trasgressore, se Equitalia non si fa viva per cinque anni, a partire dalla multa, prima di recapitare la notifica di preavviso del fermo amministrativo. O meglio, deve ritenersi prescritto il diritto dell'esattore alla riscossione delle somme portate dalla cartella di pagamento ...
Le procedure di riscossione dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione (Ader) » Gli aggiornamenti
Vediamo quali sono gli ultimi aggiornamenti sulle procedure di riscossione che possono essere attuate dall'agenzia delle entrate-riscossione (Ader). Con il passaggio di testimone (da equitalia ad Ader) sono stati emessi degli avvisi riguardanti gli aggiornamenti in merito a tutte le procedure di riscossione attuate dall'Agenzia delle Entrate-Riscossione. Vediamo quali sono ...
Cartella esattoriale da agenzia entrate-riscossione » Come chiedere sospensione e annullamento della riscossione per importi non dovuti
In caso di ricezione di una cartella esattoriale, o altri atti, da agenzia delle entrate-riscossione, ecco come chiedere sospensione e annullamento della riscossione per importi non dovuti. Se si ritiene che la richiesta di pagamento presente nella cartella esattoriale o nell'avviso non sia dovuta, è possibile chiedere all'Agenzia delle entrate-Riscossione ...
La nuova cartella esattoriale dell'agenzia delle entrate-riscossione (ader) » Cosa c'è da sapere
Cambia l'agente della riscossione, da Equitalia ad Agenzia delle Entrate-Riscossione, e dunque, cambia anche la struttura della cartella esattoriale inviata al contribuente: vediamo come. Innanzitutto, che cos'è una cartella esattoriale? Nella cartella esattoriale è indicato l'importo totale da saldare e gli enti che ne hanno fatto richiesta, il dettaglio degli ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca