Equitalia chiede il pagamento della tariffa rifiuti (TARI) relativa ad anni precedenti

Mi è arrivata ieri una cartella da Equitalia Nord chiedendomi dei pagamenti relativi alla TARI, la tassa immondizia relativi agli anni del 2003 con relativa cartella mandata nel 2004 fino ad arrivare nel 2009 con relativa cartella 2010. Ora leggendo nel vostro forum e se interpreto bene Equitalia dopo la cartella di notifica ha tempo 5 anni per chiedere i soldi oppure 10 anni dalla notifica. Equitalia mi chiede un importo di 179,79 entro 5 giorni oppure opposizione sempre entro 5 giorni e mi dicono che i 5 giorni partano dalla notifica e conta anche il sabato e domenica.

Una volta notificata la cartella esattoriale relativa alla tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU adesso TARI) Equitalia ha cinque anni di tempo per iniziare la riscossione coattiva del credito (trattandosi di tributo locale).

Tuttavia le comunicazioni inviate al debitore (avvisi di intimazione al pagamento entro 5 giorni) oppure i tentativi di pignoramento (anche infruttuosi) interrompono i termini di prescrizione.

22 ottobre 2015 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza dei tributi locali - IUC TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Prescritta la cartella esattoriale originata da multa se prima di iscrivere il fermo passano cinque anni senza atti interruttivi
E' da ritenersi prescritta la cartella esattoriale, notificata al trasgressore, se Equitalia non si fa viva per cinque anni, a partire dalla multa, prima di recapitare la notifica di preavviso del fermo amministrativo. O meglio, deve ritenersi prescritto il diritto dell'esattore alla riscossione delle somme portate dalla cartella di pagamento ...
In giudizio Equitalia deve esibire l'avviso di ricevimento anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica della cartella esattoriale
Grava su Equitalia l'onere di provare la regolare notifica delle cartelle esattoriali poste a base dell'azione esecutiva: tale onere deve essere assolto mediante produzione in giudizio della relata di notifica, ovvero dell'avviso di ricevimento (anche detta ricevuta di ritorno), essendo esclusa la possibilità di ricorrere a documenti equipollenti, quali, ad ...
Ipoteca » E' nulla l'iscrizione se l'agente della riscossione non ha inviato l'intimazione al pagamento entro cinque giorni
Dopo un anno dalla notifica della cartella esattoriale, qualora Equitalia non abbia ancora proceduto all'esecuzione forzata, è nulla l'iscrizione dell'ipoteca se l'agente della riscossione non ha precedentemente inviato l'intimazione al pagamento. Quando sia trascorso oltre un anno dalla ricezione della cartella esattoriale, l'iscrizione di ipoteca è nulla se Equitalia non ...
Notifica diretta della cartella esattoriale via posta - Ancora un sì per Equitalia
La legge (articolo 26 dpr 602/73) prevede una modalità di notifica, integralmente affidata al concessionario della riscossione (Equitalia) ed all'ufficiale postale, alternativa rispetto a quella di competenza esclusiva di ufficiali giudiziari, messi comunali e ufficiali della riscossione. In tal caso, la notifica si perfeziona con la ricezione del destinatario, alla ...
Notifica della cartella esattoriale - Equitalia deve depositare la relata in originale
Per dimostrare l'avvenuta notifica della cartella, Equitalia deve depositare anche l'originale o la copia della cartella con la relata in calce. Se il contribuente eccepisce in giudizio la mancata notifica della cartella esattoriale, è onere dell'Agente della riscossione dare la prova dell'avvenuta notifica. In proposito la Commissione tributaria provinciale di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca