Elezione di domicilio e residenza anagrafica

Pochi giorni fa ho eletto domicilio presso mio avvocato per una causa in corso: ora sto per firmare contratto affitto, sono l’inquilino, e ha una clausola di elezione di domicilio, che sarà il nuovo indirizzo di casa. Posso averne quindi due? Uno presso l’avvocato per la causa e uno all’indirizzo della nuova casa per il contratto di locazione?

Potrebbe dover affrontare un altro contenzioso da risolvere in Tribunale, quindi dover ricorrere ad un altro avvocato presso il quale eleggere domicilio per le notifiche relative agli atti relativi a quella specifica vertenza: è evidente che uno stesso soggetto può avere più domicili legali.

Così come potrebbe rivolgersi ad un commercialista, ad esempio, per eleggere presso lo studio del professionista il proprio domicilio fiscale: in questo caso, l’Agenzia delle entrate notificherà eventuali avvisi di accertamento al professionista che l’assiste come contribuente. Si sarà dotato, in questo modo, anche di un domicilio fiscale.

Eleggendo il proprio domicilio presso un determinato indirizzo, nella fattispecie relativamente ad un contratto di locazione concluso in qualità di conduttore, lei chiede al locatore ad inviarle tutte le comunicazioni relative alla esecuzione di quel contratto presso quello specifico indirizzo; che, peraltro, non deve necessariamente coincidere con l’ubicazione della casa presa in affitto.

Ancora, domani potrebbe voler stipulare un contratto per la fornitura di energia elettrica all’unità abitativa appena locata. Limitatamente al contratto di fornitura, sarà sua precipua facoltà quella di fissare come domicilio un altro qualsiasi indirizzo: ciò significherà che il fornitore dovrà inviarle, all’indirizzo prescelto, le bollette di fatturazione dei consumi e tutte le comunicazioni riguardanti il contratto di fornitura.

Potremmo continuare all’infinito citando, ad esempio, anche le domiciliazioni bancarie e quelle postali: la residenza anagrafica è unica, mentre il numero di domicili di uno stesso soggetto non ha, praticamente, limite.

31 Agosto 2016 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Valenza del domicilio fiscale per la notifica degli atti da parte dell'Agenzia delle Entrate e casi di difformità con la residenza anagrafica del contribuente - Comunicazioni di elezione e di variazione del domicilio fiscale
A norma dell'articolo 58 del decreto presidente repubblica 600/1973 le persone fisiche residenti nel territorio dello Stato italiano hanno il domicilio fiscale nel Comune nella cui anagrafe sono iscritte. In tutti gli atti, contratti, denunzie e dichiarazioni che vengono presentati agli uffici finanziari deve essere indicato il Comune di domicilio fiscale delle parti, con la precisazione dell'indirizzo. L'articolo 60, sempre nel dpr 600/1973, prevede che è facoltà del contribuente eleggere domicilio presso una persona o un ufficio nel Comune del proprio domicilio fiscale per la notifica degli atti o degli avvisi che lo riguardano e che, in tal caso, l'elezione ...

Il domicilio fiscale e la residenza anagrafica del contribuente
Salve, vorrei chiedere che differenza passa fra la residenza anagrafica ed il domicilio fiscale di un contribuente. Grazie. Il domicilio fiscale, a norma dell'articolo 58 dpr 600/73, per le persone fisiche coincide, generalmente, con la residenza anagrafica risultante dai registri demografici. I soggetti diversi dalle persone fisiche (persone giuridiche) invece, hanno il domicilio fiscale nel comune in cui si trova la loro sede legale o, in mancanza, la sede amministrativa; se anche questa manca, il domicilio fiscale viene assunto nel comune ove è stabilita una sede secondaria o una stabile organizzazione e, in mancanza, nel comune in cui esercitano prevalentemente ...

Notifica degli atti impositivi - Domicilio fiscale e residenza anagrafica
Prima che il contribuente abbia conoscenza degli atti che incidono sulla sua posizione debitoria o ereditaria nei confronti del fisco, gli atti stessi non possono produrre effetti (cfr. Cassazione 2001/4760 e soprattutto, con riguardo alla sanatoria dei possibili vizi della notifica e ai suoi effetti, Cassazione sezioni unite 2004/19854). Ora, è vero che, con la locuzione "effettiva conoscenza", il legislatore non ha inteso garantire al contribuente l'assoluta certezza della conoscenza, avendo la disciplina della notifica da sempre legato a essa la conoscibilità legale. E tuttavia resta inteso che a tutti gli atti dell'amministrazione destinati al contribuente (compresi, quindi, a quelli ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Elezione di domicilio e residenza anagrafica