Efficacia dell'accertamento immediatamente esecutivo

Come ci si può difendere dall'accertamento immediatamente esecutivo?

Nel caso di impugnazione dell'avviso esecutivo, l'ufficio provvede a iscrivere a ruolo provvisorio un importo pari a un terzo delle maggiori imposte accertate (comprensive di sanzioni ed interessi). Infatti, entro 60 giorni dalla data di notifica dell'avviso, può essere proposto ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale previo pagamento di un terzo delle maggiori imposte accertate, delle sanzioni e degli eventuali interessi.

Gli importi residui andranno corrisposti:

  1. per i due terzi, dopo la sentenza della commissione tributaria provinciale che respinge il ricorso;
  2. per l'ammontare risultante dalla sentenza della commissione tributaria provinciale, e comunque non oltre i due terzi, se la stessa accoglie parzialmente il ricorso;
  3. per il residuo ammontare determinato nella sentenza della commissione tributaria regionale.

Se il ricorso viene accolto, gli importi versati in eccedenza rispetto a quanto statuito dalla sentenza della commissione tributaria provinciale, con i relativi interessi previsti dalle leggi, dovranno essere rimborsati  entro novanta giorni dalla notifica della sentenza stessa.

Vi è da aggiungere che, naturalmente,  nel proporre ricorso contro l'atto impoesattivo sarà necessario chiedere la sospensione giudiziale ( Art. 47 del D. Lgs. n. 546/1992) dell'efficacia esecutiva dell'atto stesso, sempre che sussistano i presupposti del fumus boni iuris e del periculum in mora, bloccando sul nascere l'esecutività dell'atto con effetti duraturi.

Infatti, trascorsi i canonici 60 giorni  dalla notifica decorrono altri  30 giorni prima che gli atti relativi agli importi “accertati”  siano trasmessi  all'agente della riscossione affinché avvii le procedure di riscossione coattiva. Ancora, l'esecuzione è in ogni caso sospesa di diritto per 180 giorni, decorrenti dall'affidamento degli atti in carico agli agenti della riscossione.

Il beneficio è stato previsto dal decreto "Sviluppo" (D.L. 70/2011) che ha così attenuato il principio del "solve et repete":  cioè pagare quanto "accertato"  (solve) e solo in un secondo momento opporsi, chiedendo indietro quanto versato (repete). La cosiddetta sospensione automatica dei 180 giorni viene concessa  solo se non si rilevano situazioni di fondato pericolo per la riscossione;  nel qual caso verranno comunque adottate  le opportune misure cautelative nei riguardi del patrimonio del contribuente debitore (ad esempio, l'iscrizione ipotecaria).

Dall'iter appena descritto è altresì possibile capire quali siano i tempi che intercorrono, nel caso di inerzia del contribuente, fra la notifica di un avviso di accertamento immediatamente esecutivo e l'implementazione delle conseguenti misure di riscossione coattiva. In pratica, un intervallo temporale di soli 90 giorni.

Schemi sinottici

24 aprile 2012 · Piero Ciottoli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accertamento immediatamente esecutivo
Dal 1° ottobre 2011, gli avvisi di accertamento emessi dall'Agenzia delle entrate ai fini delle imposte sui redditi, Iva e Irap (così come il relativo provvedimento di irrogazione delle sanzioni) contengono l'intimazione ad adempiere gli importi in essi indicati entro il termine di presentazione del ricorso e costituiscono titolo esecutivo ...
Avviso di accertamento immediatamente esecutivo - un atto impoesattivo
Un avviso di accertamento immediatamente esecutivo (Articolo 29 decreto legge numero 78/2010 modificato da decreto legge numero 70/2011) accelera il procedimento di riscossione coattiva delle imposte, quali: imposte sul reddito; imposta regionale sulle attività produttive; imposta sul valore aggiunto; riferite a periodi di imposta successivi al 2006 (e dunque, a ...
Schemi di accertamento esecutivo
Un avviso di accertamento immediatamente esecutivo, infatti, acquisisce la valenza di titolo esecutivo decorsi inutilmente i termini per proporre ricorso (sessanta giorni dalla notifica) e contiene l'esplicita intimazione ad adempiere all'obbligo di pagamento degli importi indicati, entro il medesimo termine. Trascorsi ulteriori 30 giorni, le somme vengono affidate all'agente della riscossione per l'esecuzione forzata. Questi incasserà un aggio del 9% ed in caso di ritardato pagamento. L'aggio sarà calcolato anche sugli ulteriori interessi giornalieri e su quelli di mora. ...
Prescrizione della tassa automobilistica (bollo auto)
L'azione dell'Amministrazione finanziaria per il recupero delle tasse dovute per effetto dell'iscrizione di veicoli nei pubblici registri (tassa automobilistica o bollo auto) si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento. Nello stesso termine si prescrive il diritto del contribuente al ...
Il precetto alla PA non può essere intimato prima che siano decorsi 120 giorni dalla notifica del titolo esecutivo
L'opposizione proposta dalla Pubblica Amministrazione avverso il precetto intimato prima del decorso del termine di 120 giorni dalla notifica del titolo esecutivo, così come previsto dalla normativa vigente, rende nullo il precetto intempestivamente intimato. La disposizione di legge pone infatti un intervallo tra la notifica del titolo esecutivo e quella ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca