Efficacia atto revocatorio vendita immobile ipotecato

Posseggo il 25% di un immobile valutato circa 220 mila euro: su tale immobile vi è un'ipoteca iscritta per 4 mila e 700 euro, per estinguere la quale dovrei pagare una cartella di soli 3 mila e 200 euro.

Vi sono però in essere altre cartelle per un importo totale di circa 170.000€.

Una mia zia detiene un 50% dell'immobile, e mio fratello il restante 25%. Mia zia vorrebbe acquistare l'altra metà da me e mio fratello.

Alcune questioni:

1. è vero che Equitalia DEVE comunque levare l'ipoteca a fronte del pagamento della cartella per la quale è stata iscritta?
2. In caso poi di decreto ingiuntivo per atto revocatorio dell'eventuale vendita, quali sono i tempi di tale procedure? Si può fare ricorso contro tale decreto ingiuntivo?
3. Ed in questo caso, si tornerebbe del tutto allo stato precedente (quindi anche mio fratello tornerebbe "proprietario") o riguarderebbe solo il mio 25%?
4. Visto l'esiguo recupero del credito che Equitalia potrebbe fare per la vendita all'incanto (che leggo essere molto difficile per immobili o terreni indivisibili e non in piena proprietà e messi in asta quindi per una sola quota minoritaria) del mio 25%, sarà forse possibile concordare con Equitalia un condono tombale per una cifra fortemente inferiore al debito tenuto anche conto che dal 2012 tornerò dipendente e potranno anche prendersi il quinto dello stipendio?

In pratica, appena pagherà la cartella esattoriale, Equitalia procederà immediatamente ad iscrivere ipoteca per il debito residuo sulla sua quota, poi, semmai, chiederà la cancellazione di quella che garantisce fino a 4 mila e 700 euro.

Sia a suo fratello, che alla zia, converrà acquistare il bene, nel momento in cui il giudice per le esecuzioni chiederà loro di rilevare, prima dell'asta, la quota del 25% del debitore, al prezzo stabilito dalla perizia tecnica d'ufficio. La presunta indivisibilità del bene non rappresenta un ostacolo. Se i comproprietari non accettano, il giudice ordina la vendita dell'intero immobile.

Quello che lei descrive non è uno scenario verosimile. E, soprattutto, Equitalia non può concordare condoni tombali con i debitori. Equitalia ha solo il mandato per riscuotere crediti, che non sono suoi. Ed ha la facoltà di decidere quali azioni esecutive intraprendere: pignoramento ed espropriazione dell'immobile o pignoramento presso terzi dello stipendio. L'unica discriminante è quella di realizzare il maggior importo possibile, nel minor tempo possibile.

2 dicembre 2011 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ipoteca

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Come fermare l'esecuzione forzata sull'immobile anche dopo la notifica dell'avviso di vendita
Se il contribuente onora il debito, ottiene la rottamazione o comunque vince un procedimento in tribunale per delle cartelle esattoriali illegittime, l'espropriazione (o pignoramento immobiliare) della sua casa deve essere fermata, anche se è già stato notificato l'avviso di vendita. Deve essere interrotta la vendita forzata immobiliare, avviata da Equitalia, ...
Il diritto di riscatto nella vendita di immobile urbano locato ad uso commerciale - Differenza fra vendita in blocco e vendita cumulativa
In tema di locazione di immobili urbani ad uso diverso da quello abitativo, in caso di vendita, con un unico atto o con più atti collegati, ad uno stesso soggetto di una pluralità di unità immobiliari, tra cui quella oggetto del contratto di locazione, presupposto fondamentale perché sorga il diritto ...
La vendita dell'immobile locato determina di diritto la cessione del contratto di locazione al terzo acquirente
La vendita dell'immobile locato determina di diritto la cessione del contratto di locazione al terzo acquirente, senza necessità del consenso del conduttore. E ciò vale anche nel caso in cui la locazione sia cessata in data anteriore alla vendita. Lo scioglimento del contratto, infatti, non necessariamente comporta l'esaurimento dei rapporti ...
Nulla la donazione indiretta con atto di vendita a titolo gratuito
Si tratta di una donazione vera e propria e non di una donazione indiretta, quando le parti, per raggiungere l'intento di liberalità, anziché utilizzare lo schema negoziale previsto dalla legge, ossia il contratto di donazione, adottano un contratto di compravendita senza versamento del prezzo. Infatti, nella donazione indiretta attuata mediante ...
Vizi nella vendita coattiva dell'immobile pignorato - L'esito fruttuoso non sana la nullità della procedura
L'ordinanza del giudice dell'esecuzione che fissa le modalità della vendita dell'immobile pignorato va rispettata alla lettera, visto che tali modalità, comprese quelle relative alla pubblicità, sono state ritenute indispensabili all'espletamento della vendita coattiva stessa nelle migliori condizioni possibili in relazione al contesto in cui essa avrebbe dovuto avere luogo. Ai ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca