Effetti trascrizione matrimonio canonico – Posso chiedere gli assegni familiari per il quinquennio trascorso?

Io e il mio compagno siamo due genitori naturali non conviventi: io non lavoro, sono residente con mia madre ed ella percepisce le detrazioni fiscali per me ogni anno.

Il mio compagno invece è residente sulla carta in un’altra città ed è lavoratore dipendente nel settore pubblico.

Siamo sposati solo in chiesa e saremmo intenzionati adesso a trascrivere il matrimonio con i dovuti effetti retroattivi.

Essendo retroattivi gli effetti, il mio compagno era intenzionato a chiedere gli assegni familiari miei degli ultimi cinque anni.

Ma ci è sorto un dubbio: il fatto che ai fini Irpef sono a carico di mia madre, questo è ostativo per un marito a chiedere gli assegni familiari.

Il parroco officiante dovrebbe presentare subito istanza di trascrizione del matrimonio canonico all’ufficiale dello stato civile del comune dove è ubicata la chiesa. Tuttavia, i coniugi possono chiedere al parroco di effettuare la trascrizione tardiva.

In ogni caso, l’ufficiale dello stato civile, in assenza di cause ostative, effettua la trascrizione entro ventiquattro ore dalla richiesta presentata dal parroco: la trascrizione dispiega gli effetti civili del matrimonio religioso con efficacia retroattiva nel senso che gli effetti civili si producono, comunque, sin dal giorno della celebrazione del matrimonio religioso.

Com’è noto, il diritto del lavoratore a percepire un assegno familiare si prescrive nel termine di cinque anni. Il termine di prescrizione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale è compreso il periodo di lavoro cui l’assegno si riferisce. Le richieste di un assegno familiare per periodi arretrati possono quindi essere accolte limitatamente al periodo di cinque anni precedente il mese in cui viene formulata l’istanza.

La domanda che ci si pone, in particolare, è la seguente: la richiesta degli arretrati degli assegni familiari (rectius assegni per il nucleo familiare) da parte del lavoratore A per il coniuge B, potrebbe comportare conseguenze al genitore C di B che, nello stesso periodo per i quali vengono richiesti gli arretrati da A, ha già beneficiato delle detrazioni fiscali per B?

A parere di chi scrive non dovrebbero sussistere problemi per il contribuente C, dal momento che il lavoratore A si limita a chiedere per B gli assegni familiari e non le detrazioni arretrate a cui avrebbe avuto comunque diritto negli anni. Insomma, per l’amministrazione fiscale si tratterebbe, in pratica, di una partita di giro.

Peraltro, l’INPS che eroga l’assegno per il nucleo familiare, prevede che richiedente e coniuge sottoscrivano un’apposita dichiarazione di responsabilità che esclude che la medesima prestazione (o una equivalente, in uno stato estero ad esempio) sia percepita, o sia stata percepita, da altre persone. Nessun riferimento, dunque, a detrazioni fiscali per carichi di famiglia fruite da altri eventuali aventi diritto, ma solo alla specifica prestazione dell’assegno per il nucleo familiare.

Diverso sarebbe stato l’esito del parere qui formulato qualora, in qualcuno o in tutti i cinque anni precedenti, il contribuente C avesse beneficiato di un assegno per il nucleo familiare in cui fosse stata inclusa la figlia B.

12 Aprile 2017 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegni familiari a sposati non residenti
Al momento percepisco gli assegni familiari in quanto sono residente a Roma con i miei bambini e non sono sposata con il loro papà residente a Milano.Nel caso ci dovessimo sposare ma continueremmo a risiedere a Roma (io e bambini) e a Milano (papà), gli assegni verrebbero calcolati con reddito cumulato o solo con il mio? ...

Figlio sposato rientra a casa dei genitori - la nuova famiglia anagrafica si riflette su assegni familiari e ISEE?
Siamo marito e moglie lavoratori (lei in part-time) con 3 figli di cui uno disabile civile (legge 104). Per assistere mia madre grave invalida civile L104 (pure lei), mi sono appena trasferito a casa loro entrando nel loro stato di famiglia (questo anche per usufruire di congedi straordinari). Ai fini degli assegni famigliari (che fino ad ora ho sempre avuto) cambia qualcosa? Visto che sono residente dai miei genitori e mia moglie è rimasta a casa nostra con i 3 figli? (case unite, ma con due numeri civici distinti), ne ho diritto io, ne può fare richiesta lei? cambia qualcosa ...

Assegni familiari per nipote
Vorrei chiedere dei chiarimenti per quanto riguarda gli assegni familiari per nipote convivente nato il 16/3/2020: posso richiederli da luglio 2020 ossia facendo domanda adesso? Nella domanda come faccio a specificare che gli assegni che si chiedono sono specifici per il nipote? si evidenzia nella composizione del nucleo familiare? I redditi da dichiarare sono quelli del nucleo familiare ma come faccio ad individuare il nucleo familiare per gli assegni familiari? Il padre di mio nipote (lavoratore dipendente) non può richiederli ma fa parte del nucleo familiare anche se non residente con me? Mia figlia a mio carico (residente con me) ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Effetti trascrizione matrimonio canonico – Posso chiedere gli assegni familiari per il quinquennio trascorso?