Ecotassa per acquisto veicoli inquinanti – Come pagarla?

Argomenti correlati:

Con mia grande fortuna (sarcasticamente parlando), sto quasi per concludere l’acquisto di un’autovettura: visto che la stessa, come ho controllato, genera consumi CO2 per 165g/km, dovrò pagara l’odiata ecotassa.

D’accordo, quindi, com’è che si paga?

Purtroppo per lei, come per molti altri, la più antipatica delle tasse auto è pronta a sfilare dalle tasche degli italiani altro denaro, infatti, venerdì 1° marzo 2019 scatta l’ora X:chiunque acquisti e immatricoli veicoli dal tasso di emissioni CO2 superiore a quota 160 g/km è soggetto ad un’imposta proporzionale al grado di sforamento del limite stesso.

Si parla di 1.100 euro se l’auto appartiene al primo scaglione (161-175 g/km), 1.600 euro per il secondo (176-200 g/km), 2.000 euro i modelli di terza fascia (201-250 g/km), 2.500 euro infine per le auto del quarto scaglione (oltre i 250 g/km).

Ma come si paga questa tassa?

In proposito, l’articolo 1, comma 1045, della legge 145 del 2018 stabilisce che l’imposta di cui trattasi è versata, dall’acquirente o da chi richiede l’immatricolazione del veicolo, con le modalità di cui agli articoli 17 e seguenti del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

Tanto premesso, per consentire il versamento della suddetta imposta tramite il modello F24 Versamenti con elementi identificativi (F24 ELIDE), è istituito il seguente codice tributo:

  • “3500” denominato “ECOTASSA – imposta per l’acquisto e l’immatricolazione in Italia di veicoli di categoria M1 con emissioni eccedenti la soglia di 160 CO2 g/km – articolo 1, comma 1042, della legge n. 145 del 2018”.

In sede di compilazione del modello F24 ELIDE, il suddetto codice tributo è esposto in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, riportando:

  • nella sezione “CONTRIBUENTE”, nei campi “codice fiscale” e “dati anagrafici”, il codice fiscale e i dati anagrafici del soggetto che effettua il versamento;
  • nella sezione “ERARIO ED ALTRO”:
    • nel campo “tipo”, la lettera “A”;
    • nel campo “codice”, il codice tributo “3500”;
    • nel campo “elementi identificativi”, il numero di telaio del veicolo per il quale è effettuato il pagamento dell’imposta;
    • nel campo “anno di riferimento”, l’anno di immatricolazione del veicolo in Italia, espresso nel formato “AAAA”.

28 Febbraio 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Nuova ecotassa basata sulle emissioni delle autovetture - Come funziona?
Si sta sentendo molto parlare in tv e sui social di una nuova, l'ennesima, tassa sugli autoveicoli, stavolta basata sulle emissioni nocive e chiamata appunto ecotassa. Io posseggo un'autovettura diesel euro 3. Vorrei sapere quanto pagherò e più in generale, come funziona. ...

Ecotassa o Ecobonus? - Ecco come scegliere correttamente l'auto nuova
Sono in procinto, grazie alla tredicesima e bonus produzione, di acquistare un'auto nuova per il 2019: vorrei però, evitare di pagare l'ecotassa ed, al contrario, usufruire degli ecobonus. Dunque, quale auto scegliere per un'acquisto intelligente? ...

Ecotassa ed Ecobonus: ancora dubbi? - Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
Vorrei acquistare un'auto fruendo degli incentivi avviati dal governo, ma non ho ben capito, tra tanta confusione che circola, quale veicolo, nel dettaglio, posso acquistare per risparmiare. Inoltre, mio figlio, che possiede una panda vecchio modello, non ha nemmeno lui compreso se dovrà pagare l'ecotassa o meno. Ci sono informazioni più chiare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ecotassa per acquisto veicoli inquinanti – Come pagarla?