Ecobonus per sostituzione infissi casa - Come funziona?

Ho intenzione di sostituire tutti gli infissi della mia abitazione: ho sentito dire che posso usufruire di un ecobonus che mi consenta di risparmiare molto.

Vorrei sapere come funziona e come usufruirne.

E' agevolabile con ecobonus la sostituzione di finestre comprensive di infissi, delimitanti il volume riscaldato verso l'esterno e verso vani non riscaldati che rispettano i requisiti di trasmittanza termica U, (W/m2 k, riportati in tabella 2 del DM 26 gennaio 2010.

Possono tutti i contribuenti che:

  • sostengono le spese di riqualificazione energetica;
  • posseggono un diritto reale sulle unità immobiliari costituenti l'edificio;

E' possibile per tutti i contribuenti, in luogo delle detrazioni, optare per la cessione del credito.

Per quali edifici:

  • alla data della richiesta di detrazione, devono essere "esistenti" ossia accatastati o con richiesta di accatastamento in corso e in regola con il pagamento di eventuali tributi;
  • devono essere dotati di impianto termico

E' possibile detrarre il 50% delle spese totali sostenute dal 1.1.2018 al 31.12.2018, per un limite massimo di spesa ammissibile di 60.000€ per unità immobiliare.

L'intervento deve configurarsi come sostituzione o modifica di elementi già esistenti (e non come nuova installazione).

Deve delimitare un volume riscaldato verso l'esterno verso vani non riscaldati.

Deve assicurare un valore di trasmittanza termica (Uw) inferiore o uguale al valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010.

Le spese ammissibili sono:

  • fornitura e posa in opera di una nuova finestra comprensiva di infisso o di una porta d'ingresso;
  • integrazioni e sostituzioni dei componenti vetrati;
  • prestazioni professionali, comprensive della redazione dell'APE, ove richiesto.

Va trasmessa all'ENEA la scheda descrittiva dell'intervento, trasmessa esclusivamente attraverso l'apposito sito web relativo all'anno in cui sono terminati i lavori, entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori, come da collaudo delle opere(4) o come da dichiarazione di conformità.

Nel caso di interventi in singole unità immobiliari, ossia univocamente definite al Catasto urbano tale scheda può anche essere redatta dal singolo utente;

In tutti i casi diversi da quelli di cui sopra (ad esempio, interventi che riguardano parti condominiali), la scheda deve essere sottoscritta da un tecnico abilitato.

Documentazione da conservare:

  • asseverazione redatta da un tecnico abilitato ,che deve attestare il rispetto dei requisiti tecnici di cui sopra.
  • originali della documentazione inviata all'ENEA, debitamente firmata;
  • schede tecniche dei materiali e dei componenti.
  • fatture relative alle spese sostenute;
  • ricevuta del bonifico bancario o postale, che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2007, il numero e la data della fattura, il codice fiscale del richiedente la detrazione o il numero di partita IVA e il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto beneficiario;
  • ricevuta dell'invio effettuato all'ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa.

6 aprile 2018 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e per il risparmio energetico

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca