E’ valida la donazione indiretta fatta in assenza di notaio e non registrata?

Argomenti correlati:

Ho fatto donazione indiretta a mio figlio e al mio nipotino portatore di handicap dell’intera mia abitazione e come prima casa, senza la presenza di un notaio, riservandomi l’usufrutto.

Dopo diversi anni mio figlio non ha ancora registrato l’atto di donazione. Senza la registrazione è valido ugualmente l’atto? Se lo registra dopo 6 anni si perde l’efficacia dei primi anni privi di registrazione dell’atto?

La donazione deve essere fatta per atto pubblico, sotto pena di nullità (articolo 782 del codice civile).

18 Febbraio 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Donazione diretta a mia figlia e indiretta a mio figlio - Conseguenze
Nel 2012 ho donato a mia figlia la prima casa in occasione del suo matrimonio: nel 2013 per correttezza ed equità, ho donato all'altro mio figlio, mediante atto di donazione indiretta, quindi senza notaio, una abitazione sempre come prima casa, al pari del valore dato a mia figlia. In questa abitazione donata ci abitiamo anche noi come genitori e ci siamo riservati l'usufrutto. Nello stesso tempo ci abita mio figlio dal giorno del suo matrimonio avvenuto nel 2011 regolato con atto di comodato d'uso gratuito a vita. Si chiede, è obbligatorio registrare l'atto di donazione? se lo registriamo ora la ...

[risposta] come va fatta una donazione?
La donazione deve essere fatta per atto pubblico notarile sotto pena di nullità e richiede la presenza di due testimoni, non parenti coniugi o affini, né interessati all'atto. La donazione è solo un anticipo sulla futura eredità, dunque la donazione è sempre da considerare provvisoria, fino alla morte del donante. Checchè ne dica il notaio a cui lei si è rivolta. Altri eredi legittimi (i due nipoti figli di mia sorella che è mancata) potranno sempre agire in giudizio con la cosiddetta azione di riduzione delle donazioni. L'azione di riduzione è soggetta alla prescrizione ordinaria decennale, decorrente dall'apertura della successione. ...

Donazione indiretta o diretta? La differenza non è un dettaglio
Per integrare la fattispecie di donazione indiretta è necessario che la dazione della somma di denaro sia effettuata quale mezzo per l'unico e specifico fine dell'acquisto di un bene: deve cioè sussistere incontrovertibilmente un collegamento tra elargizione del denaro e acquisto del bene. In particolare, nel caso di soggetto che abbia erogato il denaro per l'acquisto di un immobile ad uno dei figli, si deve distinguere l'ipotesi della donazione diretta del denaro, impiegato successivamente dal figlio in un acquisto immobiliare, in cui, ovviamente, oggetto della donazione rimane il denaro stesso, da quella in cui il donante fornisce il denaro quale ...

Dove mi trovo?