Doppio pignoramento dello stipendio – E’ mai possibile?


L’articolo 545 codice di procedura civile impone che per crediti ordinari (tutti) la trattenuta non possa superare complessivamente il quinto stipendiale

Nonostante notifiche non eseguite per problemi postali, è arrivato l’atto di pignoramento del quinto dello stipendio presso la mia azienda: la stessa, nonostante sia già presente un pignoramento per lo stesso motivo (canone di locazione non pagato) mi ha comunicato che dal prossimo mese (e fino all’udienza) tratteranno un ulteriore decimo come prescrive la legge.

Il mio avvocato dice invece che non possono farlo perché per lo stesso motivo non può essere pignorato più del quinto, chi ha ragione?

L’articolo 545 del codice di procedura civile impone tassativamente che per crediti ordinari (quale è sicuramente quello maturato dal locatore per omesso o insufficiente corresponsione, da parte del conduttore, dei canoni di locazione contrattualmente pattuiti) non può essere prelevata una quota dello stipendio, al netto degli oneri fiscali e contributivi, superiore al 20%.

La norma, dunque, non limita il numero di pignoramenti azionati da più creditori sul medesimo stipendio, ma la percentuale prelevata mensilmente dalla retribuzione.

Per assurdo, potrei avere anche 20 creditori per crediti di natura ordinaria, procedenti per 20 pignoramenti concorrenti, purchè a ciascuno venga assegnata una quota dell’1%.

Ora, se al secondo creditore verrà assegnato un decimo della busta paga, evidentemente al primo è stato già assegnato un altro decimo, al massimo. Se così non è, cioè se la quota complessiva di prelievo è superiore al 20% ed i crediti azionati sono entrambi di natura ordinaria, non resta che presentare ricorso al giudice dell’esecuzione.

Tuttavia, tenga anche conto che il datore di lavoro, alla notifica del precetto e prima della decisione del giudice, è obbligato ad accantonare quanto viene richiesto nell’atto: in pratica il datore di lavoro non è tenuto, e non potrebbe, entrare nel merito della normativa fissata dall’articolo 545 del codice di procedura civile. E, quindi, può darsi anche che, successivamente, il giudice (una volta sentito il datore di lavoro che lo relaziona sui pignoramenti in corso) decreti l’incapienza della trattenuta mensile, riconducibile al secondo credito azionato, sulla retribuzione correntemente percepita dal debitore e liberi il terzo dall’obbligo di prelievo.

1 Febbraio 2018 · Giorgio Martini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 118 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Doppio pignoramento dello stipendio – E’ mai possibile?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.