Donazione indiretta e obbligo di prestare gli alimenti

Ho stipulato un prestito ed i miei genitori hanno firmato a garanzia, poi purtroppo non sono riuscito a pagare le rate e i miei genitori si sono visti prendere la loro casa. Gentilmente vorrei sapere se ciò che hanno fatto i miei può essere qualificata come donazione indiretta e se quindi sono obbligato a presentare solo io gli alimenti agli stessi, nonostante abbia altri fratelli.

Si tratta sicuramente di donazione indiretta dal momento che la garanzia prestata e le vicende successive hanno conseguito gli effetti propri della donazione, ossia l’impoverimento dei donanti e l’arricchimento del donatario. In pratica si è comunque verificata la remissione del debito fatta per spirito di liberalità e al fine di avvantaggiare il debitore.

In base all’articolo 437 del codice civile, il donatario è tenuto, con precedenza su ogni altro obbligato (coniuge, figli, ascendenti, generi, nuore, suoceri, fratelli e sorelle) a prestare gli alimenti al donante.

6 Febbraio 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Donazione diretta a mia figlia e indiretta a mio figlio - Conseguenze
Nel 2012 ho donato a mia figlia la prima casa in occasione del suo matrimonio: nel 2013 per correttezza ed equità, ho donato all'altro mio figlio, mediante atto di donazione indiretta, quindi senza notaio, una abitazione sempre come prima casa, al pari del valore dato a mia figlia. In questa abitazione donata ci abitiamo anche noi come genitori e ci siamo riservati l'usufrutto. Nello stesso tempo ci abita mio figlio dal giorno del suo matrimonio avvenuto nel 2011 regolato con atto di comodato d'uso gratuito a vita. Si chiede, è obbligatorio registrare l'atto di donazione? se lo registriamo ora la ...

Figlia in condizioni di indigenza - Vendita della casa proprietà della madre e obbligo di prestare gli alimenti
Io, mio marito e due bambine, viviamo in affitto e ad aprile, dovremmo cambiare casa in quanto il proprietario ci ha dato disdetta. Nel frattempo, mia nonna, usufruttuaria di una casa, la cui nuda proprietà era di mia mamma, è deceduta, lasciando la casa in cui viveva vuota e la piena proprietà a mia mamma, la quale non vive lì, ma in un'altra casa in affitto. Adesso, mia madre, ha deciso di vendere la casa a terze persone nonostante io e la mia famiglia necessitiamo di un'abitazione e nonostante le nostre difficoltà economiche, in quanto entrambi disoccupati attualmente. Posso oppormi ...

La mancanza di rapporto diretto tra donante e donatario non assume alcun rilievo preclusivo al sussistere di una donazione indiretta
La donazione indiretta si caratterizza per il fine perseguito e non già per lo strumento negoziale adottato a tal scopo, che dunque può essere costituito da qualunque contratto o da più contratti collegati. Ad esempio, la giurisprudenza ha rinvenuto una donazione indiretta nel collegamento tra contratto preliminare e definitivo di vendita in cui il primo stipulato da un genitore, che ebbe a corrispondere il prezzo, e il secondo dal figlio, che procedette all'acquisto in nome proprio; ancora ha ritenuto sussistente la donazione indiretta nella cointestazione di un libretto al portatore, in cui erano state depositate le sostanze originariamente appartenenti soltanto ...

Dove mi trovo?