Divorzio e mancato mantenimento figlio maggiorenne – E’ reato?

In sede di divorzio è stato comminato al mio ex marito il versamento di un assegno di mantenimento per e per mio figlio, all’epoca minorenne.

Con il sopraggiungimento della maggiore età il mio ex ha smesso di versare la somma pattuita per mio figlio, che però non lavora.

E’ lecito tutto ciò? Posso denunciarlo?

Secondo un recente orientamento giurisprudenziale, è reato non mantenere i figli indipendentemente dall’età: poiché va punito il mero inadempimento degli obblighi stabiliti dal giudice anche verso i maggiorenni, purché economicamente non autonomi.

Con la sentenza 8883/18 della Corte di Cassazione, infatti, è stato stabilito che non integra il reato previsto dall’art. 570, secondo comma, n. 2, c.p., la violazione dell’obbligo di assicurare i mezzi di sussistenza ai figli maggiorenni, non inabili al lavoro, anche se studenti: la norma citata, infatti, prevede come soggetti passivi solo i figli minori, inabili al lavoro.

Tuttavia, l’art. 12-sexies della legge n. 898/1970 (Legge sul divorzio), delinea una fattispecie di reato autonoma rispetto a quelle definite ai commi primo e secondo dell’art. 570 c.p., che punisce il mero inadempimento dell’obbligo di corresponsione dell’assegno di mantenimento stabilito dal giudice in sede di divorzio in favore dei figli senza limitazione di età, purché economicamente non autonomi.

Dunque, a parere degli Ermellini, se in sede di divorzio è stato comminato il versamento di un assegno di mantenimento a favore del figlio minorenne, lo stesso va mantenuto anche con il raggiungimento della maggiore età, se non sussiste indipendenza economica.

Al contrario, si viola l’articolo 12-sexies della legge sul divorzio, il quale stabilisce che al coniuge che si sottrae all’obbligo di corresponsione dell’assegno dovuto a norma degli articoli 5 e 6 della presente legge si applicano le pene previste dall’articolo 570 del codice penale.

L’articolo 570 del codice penale prevede la reclusione fino a un anno o con la multa da centotre euro a milletrentadue euro.

Dunque chiunque, dopo una sentenza di divorzio, non mantenga i figli indipendentemente dall’età, purché economicamente non autonomi, commette un reato e rischia la reclusione fino a un anno e la multa fino a milletrentadue euro.

1 Marzo 2018 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione e divorzio - Quando viene meno l'obbligo al mantenimento del figlio maggiorenne
Per costante indirizzo della giurisprudenza di legittimità, l'obbligo dei genitori di concorrere al mantenimento dei figli non cessa con il raggiungimento della maggiore età da parte di questi ultimi. Il venir meno del diritto al mantenimento si verifica solo qualora il figlio, abusando di quel diritto, tenga un comportamento di inerzia o di rifiuto ingiustificato di occasioni di lavoro (ovvero di colpevole negligenza nel compimento del corso di studi intrapreso) e, quindi, di disinteresse nella ricerca dell'indipendenza economica. In pratica, il genitore obbligato interessato alla declaratoria di cessazione dell'obbligo di mantenimento è tenuto a provare che il figlio ha raggiunto ...

Mancato pagamento assegno mantenimento post divorzio - E' reato?
Sono una mamma divorziata che sta vivendo un inferno a causa del mancato pagamento dell'assegno di mantenimento dopo il divorzio da mio marito Infatti, pur essendo stato obbligato alla corresponsione dell'assegno di mantenimento, il signore se ne frega, facendo vivere me e mia figlia nella miseria. Ho letto sul giornale stamattina che il mancato pagamento dell'assegno divorzile disposto in sede giudiziale può configurare un reato. E' vero? Sapete dirmi come ed in che modo? ...

Assegno di mantenimento per figlio maggiorenne che studia fuori città - Devo ancora pagare?
Dopo una sentenza di separazione di qualche anno fa, mi è stato comminato il versamento di un assegno di mantenimento, sia per mia moglie che per mio figlio minorenne che risiedeva ancora con mia moglie (affidataria). Nel frattempo, però, mio figlio è divenuto maggiorenne ed è andato a studiare all'università a Roma. Ritorna a casa solo d'estate al termine degli esami. Dunque, vorrei sapere, dato che non risiede più con mia moglie e vive fuori, se devo continuare a pagare ancora il mantenimento anche per lui. Posso appellarmi in tribunale motivando, per l'appunto, che ormai lui abita praticamente sempre altrove ...

Dove mi trovo?