Diversi crediti con un unico creditore

Sono un pensionato Inps, andato in quiescenza nel 2017 per inabilità permanente  a proficuo lavoro da un Ente pubblico regionale siciliano: percepisco una pensione mensile di circa 4 mila e 500 euro.

L’unica mia preoccupazione, non avendo beni immobili, è quella che l’ente evidenzi delle mie responsabilità, anche per colpa di terzi dipendenti miei sottoposti, avendo ricoperto la carica apicale di direttore generale.

Si tratterebbe del medesimo creditore (cioè dell’Ente pubblico presso cui prestavo servizio) che rivendica diversi crediti, per questioni amministrative diverse.

Ad esempio, per ritardi nella riscossione crediti, per contenziosi perduti con diversi ricorrenti per cause imputabili all’amministrazione etc.

In questo caso trattandosi del medesimo agente creditore la procedura di pignoramento della pensione, si fermerebbe ad un quinto, ovvero può proseguire in ragione di tutti i crediti vantati, secondo il proquota del quinto della pensione, al netto della quota di sociale, aumentata del 50%?

Ovvero, il medesimo creditore deve mettersi in accodo sino l’esaurimento del primo credito e poi inserire gli altri, secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’azione di pignoramento?

Ammesso, e non concesso, che la Corte dei Conti (o organo equipollente presso la regione autonoma siciliana) la condannasse a risarcire i danni conseguenti alla sua responsabilità dirigenziale, il creditore sarà unico e rappresentato dalla Pubblica Amministrazione e l’azione di riscossione coattiva verrà affidata a Riscossione Sicilia società per azioni.

Pertanto, se non ha beni immobili espropriabili, l’azione di risarcimento si concretizzerà in un prelievo del 20% dalla quota pignorabile di pensione, al momento rappresentata dalla differenza fra il rateo percepito (4.500 euro) e il minimo vitale pari al massimo dell’assegno sociale aumentato delle metà (parliamo, nel 2019, di 687 euro).

A conti fatti, oggi perderebbe all’incirca qualcosa come 763 euro al mese.

30 Marzo 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo con provvisoria esecutività e precetto - Cosa accade se a seguito di un accordo con il creditore, nel frattempo, vendo l'unico bene di mia proprietà?
Riscrivo in riferimento a questa discussione: la questione, è esattamente come l'ho esposta in precedenza. Ho ricevuto decreto ingiuntivo e precetto, nell'atto viene indicato l'unico bene di cui sono proprietario (una quota al 50% di un immobile), viene richiesta la provvisoria esecutività, ma non ho mai ricevuto e non è nemmeno mai stato richiesto il pignoramento di quel bene. Difatti, successivamente alla scadenza dei 40 giorni per fare opposizione (cosa che non ho fatto), ho sottoscritto un accordo con il creditore che prevede il pagamento di quanto dovuto da parte mia entro un tempo assai lungo. Il creditore, qualora non ...

Se mi pignora la pensione un primo creditore compiacente, il successivo creditore dovrà mettersi in coda?
Se nel caso di debiti privati, mi organizzo e trovo un creditore compiacente, posso farmi sequestrare il quinto della pensione, ammettiamo per 10 anni, sarò liberato, per lo stesso periodo di tempo, dal dovere soddisfare il successivo creditore, che dovrà mettersi in coda per riscuotere? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Diversi crediti con un unico creditore