Disdetta a seguito di variazione delle condizioni contrattuali – Se tergiversano, cosa si può fare?

In data 25/07 ho effettuato tramite la mia area Fai da Te della Vodafone la richiesta di disdetta della mia sim dati e mi è arrivata la mail automatica di presa in carico della richiesta .Ad oggi 22/08 la sim risulta ancora attiva. Contattando il servizio clienti mi viene detto che loro disattivano la sim entro 30 giorni dalla richiesta (quindi entro il 25/08). Io aspetterò tale data, ma nel caso non dovessero disattivarmi la sim (e cioè fare i furbi, cosa che non mi sorprenderebbe) come mi posso muovere? Mandare una diffida per raccomandata?

Come sappiamo, l’articolo 70, comma 4, del Codice delle Comunicazioni elettroniche, consente agli operatori di procedere ad una modifica unilaterale delle condizioni contrattuali nel corso del rapporto sotto qualsiasi profilo, tecnico, giuridico o economico.

Il Codice pone, però, in capo agli operatori l’obbligo di comunicare con congruo preavviso, non inferiore ad un mese, le modifiche intervenute e di informare contestualmente l’utente della possibilità di recedere dal contratto senza costi qualora non trovasse convenienza nelle nuove condizioni.

Le penali per recesso anticipato sono state abolite dalla Legge 40/2007. Tuttavia, la stessa legge prevede che, in caso di recesso anticipato, possa essere richiesto all’utente il pagamento di somme che siano giustificate da costi che l’operatore sopporta per le attività pertinenti al recesso. L’operatore deve quindi motivare e giustificare i costi addebitati per il recesso anticipato.

In base all’interpretazione della legge, seguita dall’Autorità nei propri provvedimenti e confermata dal giudice amministrativo, i costi che l’operatore può richiedere in sede di recesso anticipato sono soltanto quelli strettamente connessi alle attività necessarie alla lavorazione del recesso, secondo principi economici di causalità e pertinenza.

I costi che gli operatori hanno presentato per la verifica della Direzione tutela dei consumatori dell’Autorità, sono pubblicati, ai sensi della delibera n. 96/07/CONS, sui siti web degli operatori di comunicazioni elettroniche.

I relativi link sono disponibili anche sul sito dell’Autorità nella pagina dedicata a Prospetti informativi su offerte e condizioni economiche. In relazione ai diversi servizi offerti, può quindi verificare i relativi costi di disattivazione.

In caso di difformità tra i costi pubblicati sul sito dell’operatore e i costi richiesti o addebitati dall’operatore, l’utente può:

a) denunciare la vicenda all’Autorità, compilando l’apposito modello D telematico;

b) promuovere un tentativo di conciliazione secondo le indicazioni reperibili alla pagina Contenzioso tra utenti e operatori.

Il diritto di recesso si esercita formalmente, inviando una raccomandata A/R all’operatore (questo affinché si possa legalmente dimostrare la data certa in cui la richiesta è pervenuta in carico al fornitore del servizio – peraltro una e-mail di presa in carico inviata dall’operatore, non tramite posta certificata, potrebbe sempre essere disconosciuta). La comunicazione può eventualmente essere inviata per telegramma, fax o posta elettronica, purché confermata con lettera raccomandata nelle 48 ore successive.

E’ dunque evidente che qualora l’operatore, alla chiusura del rapporto successivo alla formale comunicazione di recesso effettuata con raccomandata A/R, addebitasse all’utente un canone (per connessione dati flat) non rapportato proporzionalmente alla durata del servizio offerto fino alla data in cui risulta aver ricevuto la raccomandata (e/o costi di disattivazione ingiustificati), la questione potrà essere regolata in sede di conciliazione come illustrato al paragrafo precedente.

22 Agosto 2018 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cambio operatore a seguito di variazione delle condizioni contrattuali - Ma il costo del dispositivo concesso in comodato gratuito solo nel caso di rispetto del vincolo di permanenza minima?
Vorrei cambiare operatore di telefonia mobile ma ho un dubbio: con il mio attuale operatore ho un telefono di cui non sto pagando le rate in quanto all'epoca in cui lo presi c'era la promozione a 0 rate (ho dato solo l'anticipo) ovviamente con il vincolo dei 30 mesi. La legge dice che in caso di cambio operatore per variazione delle condizioni contrattuali le rate del terminale continuano ad essere addebitate fino a chiusura del debito. Ma nel mio caso in cui le rate sono a 0 come funziona? Mi addebiteranno tutto il costo del telefono in una volta sola? ...

Modifica unilaterale delle condizioni contrattuali di conto corrente - comunicazione preventiva e giustificato motivo
E' innanzitutto onere della banca fornire la prova – anche mediante presunzioni - dell'effettivo e rituale invio della proposta di modifica unilaterale del contratto al domicilio indicato dal cliente. Inoltre, la modifica delle condizioni contrattuali di conto corrente non sono opponibili al cliente se non adeguatamente motivate ai sensi dell'articolo 118 del Testo unico bancario. Tale norma richiede infatti, come noto, che l'esercizio del ius variandi da parte della banca sia subordinato all'esistenza, all'indicazione ed, all'occorrenza, alla prova di un "giustificato motivo". La banca non può limitarsi ad indicare genericamente il mutato contesto di mercato che si riflette sulle spese ...

Disdetta ADSL con Telecom e ultima bolletta non pagata - Cosa rischio?
Nel 2011, quindi quasi 10 anni fa, avevo l'abbonamento adsl con telecom, poi ho fatto la disdetta mesi dopo con un importo di 250 euro da pagare e che non ho pagato, ho cambiato casa e mi sono trasferito in Irlanda. Qualche anno dopo avevo chiamato il servizio clienti spiegando la situazione e mi hanno detto che mi avrebbero fatto sapere. Vivendo all'estero non ho più il numero italiano da tanti anni ormai e non ho ricevuto alcuna comunicazione. In cosa potrei incorrere? Questa bolletta è andata in prescrizione? L'importo della bolletta può essere aumentato di molto con tanto di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Disdetta a seguito di variazione delle condizioni contrattuali – Se tergiversano, cosa si può fare?