Richiesta di rimborsare un credito garantito da fideiussione – Ma la firma sul contratto è falsa

Argomenti correlati:

Nel 2015 ricevo due raccomandate dalle quali scopro di essere debitore per una somma di circa € 18000 nei confronti della banca xy, con credito ceduto alla Locam spa.

Dai documenti che ricevo apprendo di essermi costituita fideiussore, nel 2006, “sino alla concorrenza dell’importo di 8000 €”, del mio compagno all’epoca funzionario di detta banca.

Le firme apposte sul contratto sono palesemente FALSE ma poiché l’obbligato principale aveva assicurato, come ahimè ha fatto di nuovo adesso, di aver saldato tutto, non sono state da me (colpevolmente?) disconosciute.

Preciso che sono un dipendente pubblico, ho una casa di proprietà gravata da mutuo ipotecario e un c/c intestato a me esclusivamente mentre l’obbligato principale non ha né reddito né patrimonio.

Ora si è materializzato “telefonicamente” uno studio di recupero crediti che, cortesemente, ma con cenni neanche troppo velati, ha fatto riferimento al mio immobile e all’ufficio in cui lavoro.

Cosa fare?

Posso disconoscere ora la firma almeno in via stragiudiziale con un raccomandata alla Locam?

La mia “asserita” garanzia è comunque nel limite di 8000 euro?

Le procedure presso terzi presuppongono in ogni caso un decreto ingiuntivo e un successivo pignoramento al quale potrò oppormi in sede giudiziaria?

Io credo che l’obiettivo della società cessionaria del credito, vantato per la fideiussione da lei prestata, sia quello di racimolare qualcosa degli 8 mila euro, senza avventurarsi in azioni giudiziali che richiedono il vaglio del giudice sulla documentazione in possesso del creditore, non sempre completa e regolare quando c’è di mezzo una cessione.

A tale proposito, eccepire adesso la macroscopica falsità della firma apposta al contratto di fideiussione, con lettera raccomandata alla cessionaria, a me sembra un’ottima idea: può aggiungere che non ha presentato denuncia nei confronti della banca nel 2015 (lei non deve necessariamente rendere noto di sapere che la firma falsa era stata apposta dal suo compagno) perchè il debitore principale le aveva assicurato di aver rimesso il debito. Ma adesso, a fronte della richiesta di pagamento, ha deciso di rivolgersi all’Autorità giudiziaria.

Quando la denuncia è facoltativa, come nella fattispecie, non è previsto alcun termine per la sua presentazione.

Inviata la raccomandata, potrà attendere l’effetto che fa, e semmai proporre, con un gesto di buona volontà e giusto per non essere costretta ad anticipare spese legali e di perizia calligrafica, un accordo a saldo stralcio di un migliaio di euro, al massimo. Io sono sicura che, mostrando fermezza e determinazione (anche bluffando, se necessario) potrà cavarsela con l’esborso di qualche spicciolo.

Per finire, nessuno potrà chiederle, per una fideiussione prestata sino alla concorrenza dell’importo di 8 mila euro, un centesimo in più di tale importo.

17 Novembre 2018 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Credito garantito da fideiussione ceduto da banca a società di recupero crediti
Nel 1998 io e altri 2 amici abbiamo fondato una s.n.c., e per avere un fido, abbiamo firmato una fideiussione bancaria. L'unico che poteva garantire in solido ero io perche avevo un immobile. Nel 2000 sono uscito dalla società per dissidi interni. Essendo la società con la banca in passivo non ho potuto togliere la fideiussione. Sapendo che i soci rimasti erano incompetenti, ho fatto una donazione dell'immobile a mia madre. Nel 2002 mi arriva una raccomandata dalla B.A.M. che mi avvisava di rientrare di circa 20 mila euro. Non avendo il capitale, non ho pagato, premesso che risultavo nullatenente ...

Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa indagare l'oggettiva difficoltà nel rilevamento secondo la diligenza dell'«accorto banchiere», attraverso una valutazione delle competenze che non possono essere «cristallizzate nel tempo» ma, al contrario, devono basarsi sulla «condotta esigibile, in quel dato momento storico e in quel particolare contesto», prescindendo dal possesso di particolari apparecchiature specialistiche. Questo, riassunto in ...

Cancellazione CRIF per contratto di finanziamento con firma falsa
Nel 2006 ho stipulato un contratto di finanziamento in veste di coobbligato, per l'acquisto di un veicolo. Il veicolo è, o meglio era cointestato. Dopo pochi anni comincio a ricevere comunicazioni, nessuna delle quali raccomandata a/r, inerenti ritardi di pagamento, decadenza del beneficio del termine, cessione del credito da un recupero crediti all'altro e segnalazione presso centrale dei rischi. Contatto telefonicamente e personalmente i diversi soggetti ma a nessuno risulta che ci sia un coobbligato, in sintesi il titolare del finanziamento sono io. Richiedo copia del contratto e qui una sorpresa ed una curiosità: - la mia firma non compare ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Richiesta di rimborsare un credito garantito da fideiussione – Ma la firma sul contratto è falsa