Cambio di proprietà dell’azienda e diritto al Trattamento di Fine Rapporto dei lavoratori


Recupero del TFR, TFR - Trattamento di fine rapporto e trasferimento proprietà aziendale

A inizio di ottobre 2018 la nostra azienda ha cambiato ragione sociale e partita iva: il nuovo proprietario ha assorbito tutti i dipendenti con un passaggio diretto non cambiando niente. Premesso che ancora non abbiamo firmato nulla, ci chiediamo se il trattamento di fine rapporto (TFR) vada liquidato o meno e se dal nuovo proprietario o dal vecchio.

In caso di trasferimento di proprietà dell’azienda, il rapporto di lavoro continua con il nuovo proprietario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano. Si intende per trasferimento d’azienda qualsiasi operazione che comporti il mutamento nella titolarità di un’attività economica organizzata preesistente al trasferimento.

Il datore di lavoro uscente e quello subentrante sono obbligati, in solido, per tutti i crediti che il lavoratore aveva al tempo del trasferimento di proprietà. Il codice di procedura civile prevede apposite procedure qualora il lavoratore volesse acconsentire alla liberazione del vecchio proprietario dalle obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro. In ogni caso, non è obbligato alla liberazione.

Il trattamento di fine rapporto costituisce istituto di retribuzione differita, e, pertanto, verrà liquidato esclusivamente in occasione di licenziamento, dimissioni o collocazione in quiescenza del lavoratore o di liquidazione dell’attività aziendale.

Il vecchio datore di lavoro rimane obbligato nei confronti del lavoratore suo dipendente, il cui rapporto sia proseguito con il nuovo datore di lavoro, per la quota di trattamento di fine rapporto maturata fino al trasferimento aziendale, mentre il nuovo datore di lavoro è obbligato per la stessa quota solo in ragione del vincolo di solidarietà, mentre resta l’unico obbligato quanto alla quota maturata nel periodo successivo al suo formale ingresso alla guida dell’azienda.

Queste le indicazioni fornite, in tema di trattamento di fine rapporto e trasferimento della proprietà aziendale, dalla Corte di cassazione nella sentenza numero 9464/15.

15 Novembre 2018 · Tullio Solinas

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 142 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Cambio di proprietà dell’azienda e diritto al Trattamento di Fine Rapporto dei lavoratori. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.