Diritti camerali non pagati negli ultimi anni – Devo pagarli anche se chiudo l’attività?

Sono attualmente iscritto alla Camera di Commercio come impresa individuale per attività di agente di commercio che non svolgo più da diversi anni. Non ho pagato i diritti camerali da alcuni anni e vorrei sapere se è corretto l’impedimento della chiusura della posizione in Camera di Commercio. Sono disoccupato e non ho la possibilità di saldare quanto dovuto alla Camera di Commercio.

Anche in caso di imprese inattive, in liquidazione o con partita IVA cessata, il diritto camerale annuale continua ad essere dovuto fino all’anno in cui viene richiesta la cancellazione dal Registro delle Imprese.

La cancellazione dal Registro delle Imprese di ditte individuali con decorrenza retroattiva comporta comunque l’obbligo del pagamento del tributo fino all’anno in cui viene presentata la domanda di cancellazione.

Se si rinuncia alla decorrenza retroattiva, si può presentare la domanda di cancellazione entro il 30 gennaio, evitando così l’obbligo di pagamento del diritto camerale per l’anno in corso.

In questo caso, l’eventuale debito accumulato negli anni precedenti per i diritti camerali non versati sarà oggetto di iscrizione a ruolo e recuperato attraverso emissione di cartella esattoriale e conseguente, eventuale, azione di riscossione coattiva.

7 Febbraio 2017 · Tullio Solinas

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni da blog e forum

Dove mi trovo?